11 aprile 2021
Aggiornato 11:30
Raddoppiati gli interventi di doppia mastectomia

Effetto Angelina Jolie, sempre più donne senza seno

Dopo la dichiarazione pubblica del 2013 da parte della star hollywoodiana Angelina Jolie, che si era sottoposta a doppia mastectomia preventiva, la comunità medica ha registrato un vero e proprio boom nel ricorso a questa pratica che, tuttavia, resta ancora dibattuta

MANCHESTER – A partire dal 2013, quando l’attrice Angelina Jolie ha annunciato pubblicamente di essersi sottoposta a un intervento chirurgico per asportare il seno in via preventiva per il cancro, la comunità medica ha registrato un costante incremento del ricorso a questa pratica da parte di molte donne. Ma gli esperti, a suo tempo, avevano avvertito che non vi erano evidenze certe che una doppia mastectomia fosse efficace nel prevenire il cancro al seno.

Più del doppio
Gli scienziati del Genesis Prevention Centre Family History (Uk) – una clinica per la prevenzione del cancro al seno a Manchester – hanno pubblicato sulla rivista open acces Breast Cancer Research, un rapporto sul tasso di operazioni chirurgiche avvenute a partire da 6 mesi dopo l’annuncio della Jolie. Si è così scoperto che vi è stato più del doppio di ricorsi alla doppia mastectomia preventiva tre le donne preoccupate e che sono portatrici di una mutazione nel gene BRCA1, che pare aumenti il rischio di sviluppare il cancro al seno e il cancro ovarico.

Effetto amplificatore
«Alla clinica Genesis Prevention Centre Family History, abbiamo visto un netto aumento del numero di donne che si sottopongono doppia mastectomia preventiva, a partire da circa nove mesi dopo l’annuncio di Angelina Jolie – ha scritto il prof. Gareth Evans – Anche se non abbiamo analizzato le motivazioni delle donne per sottoporsi a questo tipo di chirurgia, la correlazione suggerisce che se il maggiore ricorso alla doppia mastectomia può essere attribuito «all’effetto Angelina», questo si è allargato e ha portato sia a un aumento dei casi di rinvio alla nostra clinica, che un aumento dei tassi di chirurgia preventiva». Non c’è dubbio che l’attrice americana ha lasciato una scia indelebile dietro al suo annuncio.