10 dicembre 2019
Aggiornato 06:00
Antichi rimedi

Dall’India un trattamento che cura e ringiovanisce gli occhi

Dall’antico Oriente a oggi, una terapia ayurvedica che mira al benessere degli occhi. Al termine ci vedi meglio e hai meno rughe. Ora anche in Italia.

ROMA – Si chiama Netra Chikitsa ed è un antichissima disciplina che oggi viene etichettata con il nome di oftalmologia. La terapia prende invece il nome di Netra Basti e fa parte del PachaKarma, letteralmente le 5 azioni che disintossicano e ringiovaniscono. Nuova vita agli occhi.

Coccole al burro
In India, Pakistan e Tibet è una terapia di routine considerata anche molto piacevole. In pratica si usa del burro chiarificato, in sanscrito «Ghee», che viene dolcemente instillato negli occhi del paziente. Di primo acchito può apparire come una tortura, ma in realtà si tratta di uno dei trattamenti più dolci e benefici che si possano fare agli occhi.

Prima un impasto di farina
Si tratta di un trattamento facile da replicare anche in casa, ma prima bisogna acquisire un’ottima esperienza. Per fare il «bagno» di ghee (dal termine sanscrito, Basti), bisogna prima preparare una forma che lo possa contenere, senza che scivoli via. E cosa c’è di meglio che un impasto di farina e acqua? L’operatore ayurvedico la modella a forma di «salamino» e poi la posiziona attorno all’occhio. Ora il ghee, leggermente intiepidito, può essere versato all’interno. Si tiene in posa una quindicina di minuti, dopo di che si fa piegare la testa al paziente per farlo colare via. Durante il trattamento, l’occhio può essere tenuto aperto senza alcun fastidio e si devono eseguire movimenti oculari affinché il rimedio penetri bene all’interno.

Al termine ci vedi meglio e hai meno rughe
Le indicazioni di Netra Basti sono tantissime. Le prime sono quelle di eliminare le impurità che possono irritare gli occhi, ma farlo con frequenza migliora molto la visione. Inoltre, rilassando i muscoli oculari si scioglie la tensione anche ai muscoli correlati come quelli del cranio, del collo e delle spalle. Già dopo il primo trattamento si evidenzia una migliore luminosità dell’occhio e una distensione delle rughe attorno all’occhio stesso.

Antico rimedio per l’uomo moderno
Probabilmente questo è uno dei migliori trattamenti per le persone che abusano dell’uso di Pc, smartphone o, peggio, videogame. Usato uno-due volte a settimana migliora moltissimo i danni causati da tali dispositivi. Attualmente non vi sono ricerche scientifiche che ne confermino l’uso dopo un intervento di chirurgia laser – per la quale è quindi necessario un consulto medico.