5 giugno 2020
Aggiornato 08:30
Nutrizione

In Italia il 23% dei bambini è in sovrappeso

Obeso l'11%. Le cause? Troppe merendine e bibite gassate, poco sport e il «no» alla colazione

ROMA - Bimbi italiani troppo grassi: mangiano male, indulgendo in troppe merendine e bevande gassate e zuccherate, fanno poco sport, trascurano la prima colazione e guardano troppa televisione. E' la fotografia scattata da Okkio alla Salute dell'Istituto superiore di sanità nel 2010 misurando oltre 42.000 bambini della terza classe delle scuole primarie.

I dati parlano chiaro: il 23% dei piccoli è in sovrappeso e l'11% è obeso. Tra i comportamenti 'non salutari' il fatto che il 9%dei bambini salta la prima colazione e il 30% non la fa adeguata, un bambino su 4 non mangia quotidianamente frutta e verdura, circa il 50% consuma bevande zuccherate o gassate nell'arco della giornata, un bambino su 5 pratica sport per non più di un'ora a settimana, un 1 bambino su 2 ha la Tv in camera. Ancora, i genitori non sempre hanno una percezione corretta dello stato ponderale del proprio figlio: tra le madri di bambini in sovrappeso o obesi, il 36% ritiene che il proprio figlio non sia in eccesso ponderale.

I dati del progetto «Sistema di indagini sui rischi comportamentali in età 6-17 anni» sono stati presentati all'Auditorium Biagio D'Alba. Il progetto è promosso dal ministero della Salute/Ccm ed è coordinato dall'istituto superiore di sanità e realizzato in collaborazione con il ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca. (segue)

Il progetto prevedeva anche uno zoom condotto dall'Inran su un campione di 2100 bambini di 8-9 anni: in base ai risultati circa il 70% dei bambini non ha l'abitudine di andare a scuola a piedi, il 27% dei bambini gioca per più di due ore al giorno all'aria aperta, nei giorni feriali. Il tempo trascorso dai bambini giocando all'aperto è correlato alla sicurezza dell'ambiente intorno all'abitazione e alla mancanza di strutture adeguate, specie al Sud. Ancora, per i genitori, la principale fonte di informazione su una corretta alimentazione è rappresentata dai pediatri e da altri operatori sanitari: i livelli di conoscenza sono maggiori al Nord e tra i genitori con elevato titolo di studio.

Ancora, uno studio realizzato in collaborazione tra l'Iss, le università di Torino, Padova e Siena in tutte le Regioni ha evidenziato che, su 77mila ragazzi tra gli 11 e i 15 anni, si registra una diminuzione della prevalenza di sovrappeso e obesi che va dal 29% nei ragazzi e dal 20% nelle ragazze undicenni, al 26% nei maschi e al 12% nelle femmine di 15 anni. Emerge un minor consumo quotidiano di verdura nel Sud e tra i maschi. Lo svolgimento di minore attività fisica tra i ragazzi di 15 anni (48% dei maschi e 27% delle femmine) rispetto ai tredicenni (51% dei maschi e 34% delle femmine). Una percentuale del 40% dei maschi e del 24% delle femmine di 15 anni che dichiara di consumare alcol almeno una volta a settimana. Il 19% dei quindicenni (maschi e femmine) dichiara di fumare almeno una volta a settimana.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal