22 aprile 2019
Aggiornato 12:30
Regionali Abruzzo

Salvini rassicura Di Maio: «Una battuta d'arresto può capitare»

Il leader della Lega: «Chi ha perso davvero è il Partito Democratico e la sua politica. Prossimo sindaco di Pescara sarà della Lega». Calderoli: «Lega raddoppia voti in un anno grazie a Salvini»

Matteo Salvini e Luigi Di Maio
Matteo Salvini e Luigi Di Maio ( ANSA )

L'AQUILA - «Capita ogni tanto una battuta d'arresto. A me è già capitato. Noi abbiamo un'esperienza amministrativa che ci avvantaggia. La mia stima per Di Maio è rimasta immutata. Chi ha perso davvero è il Partito democratico. Con i Cinquestelle penso che si lavorerà anche meglio dopo questa giornata. Se fossi il governatore prenderei anche degli spunti dal programma dei Cinquestelle se ci sono dei punti validi». Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, a L'Aquila, parlando del rapporto con i Cinquestelle a livello nazionale e in Abruzzo dopo la vittoria di Marco Marsilio, neo governatore del centrodestra.

Prossimo sindaco di Pescara sarà della Lega

«Il prossimo sindaco di Pescara sarà della Lega. Così magari il decreto sicurezza invece di contestarlo lo applica». Lo ha detto Matteo Salvini rispondendo a chi gli chiedeva se la Lega chiederà la candidatura per il prossimo sindaco di Pescara con le elezioni in programma a maggio 2019.

Calderoli: Lega raddoppia voti in un anno grazie a Salvini

«Complimenti al neo governatore abruzzese Marco Marsilio, ma soprattutto complimenti a Matteo Salvini, per il grande lavoro che sta svolgendo al Governo, a livello nazionale, e per il grande lavoro che in queste settimane ha svolto a livello capillare sul territorio, andando di persona a parlare con i cittadini abruzzesi, ascoltandoli, confrontandosi, vedendo di persona, toccando con mano. In meno di un anno dalle ultime elezioni Politiche la Lega ha praticamente raddoppiato i suoi voti, perché ascolta la gente e affronta i problemi, quelli veri». Lo ha affermato in una dichiarazione il vicepresidente leghista del Senato Roberto Calderoli.