30 marzo 2020
Aggiornato 13:00
Manovra finanziaria

Salvini: "E' stato un fraintendimento, ma stavolta voglio copia del testo"

"Quando mi arrivano dei provvedimenti dei 5 Stelle io spesso vado sulla fiducia" dice il vicepremier da Cernobbio

CERNOBBIO - Il premier Conte "ha la mia stima e ha sempre ragione, l'unica cosa è che stavolta chiederò che quando lui leggerà il decreto e Di Maio prenderà nota, una copia la voglio anche io. Altrimenti poi non vorrei che si ricominciasse da capo». Così il vicepremier, Matteo Salvini, in merito alle polemiche seguite al discusso comma sul condono contenuto nel decreto fiscale. "E' un fraintendimento, un misunderstanding", ha poi chiosato, a margine del forum Coldiretti. Al Cdm di oggi, ha spiegato, "non abbiamo condizioni, vogliamo lavorare. Lo dirò a Di Maio, lo dirò a Conte, che stimo entrambi: abbiamo cosi tanti avversari fuori che sono interessati ad avere un'Italia precaria, in ginocchio e serva anche sui temi agricoli, che dentro dobbiamo andare d'accordo, abbiamo il diritto e dovere di andare d'accordo». "Quando mi arrivano dei provvedimenti dei 5 Stelle io spesso vado sulla fiducia - ha sottolineato il leader della Lega - li firmo, li leggo e non eccepisco alcunché, e non cambio idea dalla sera alla mattina. Però ognuno è fatto a suo modo, quindi io rispetto gli alleati con cui stiamo lavorando bene in questi mesi e con cui lavoreremo bene per 5 anni".

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal