21 agosto 2019
Aggiornato 09:00

Grillo torna al blog e molla il M5s «non posso essere il vostro referente»

Online il sito rinnovato del comico genovese che diventa di proprietà della Beppegrillo S.r.l.s e non più della milanese Casaleggio associati

ROMA - E' online il nuovo blog di Beppe Grillo: nuovi colori (rosso e bianco), nuova veste grafica e soprattutto nulla che ricordi il Movimento 5 Stelle ad eccezione di due minuscoli link (bianchi su sfondo grigio) in alto al blog delle stelle e a Rousseau. Il sito, che, come annunciato, segna il divorzio del garante pentastellato dalla Casaleggio associati e diventa di proprietà della Beppegrillo S.r.l.s con sede a Genova, si occupa soprattutto di robotica, intelligenza artificiale, internet delle cose, smart city e si apre con un intervento di Grillo dal titolo «Progetta il tuo futuro, ma con la matita e la gomma accanto».

La nuova avventura
«Inizia adesso - afferma Grillo - un'avventura straordinaria di liberazione, di mente, di fantasia, di utopie, di sogni, di visioni. Io andrò in cerca di folli, di artisti, mi piace avere dei punti di vista, ma di idee, perché io sono stufo delle opinioni, sono stufo delle opinioni. Sì d'accordo ognuno ha diritto alla propria opinione, ma ha diritto ai fatti. Io voglio sognare voglio avere qualcosa che mi spinga sempre in avanti». Grillo prosegue: «E con voi voglio farlo tornando al blog come era, nel senso che facciamo interviste, Mohamed Yonus, Stiglitz, Fo, c'erano premi nobel che ci scrivevano e adesso abbiamo un sacco di interviste, se vedete qui in basso ci sono le interviste di persone che lavorano nei robot, di qua ci sono persone nel hyper-loop, nell'alta velocità, smart city. Abbiamo sistemi di comunicazione meravigliosi che stanno arrivando, come il Li-Fi. Quindi bisogna capire che bisogna essere sempre curiosi, il mio mantra è questo qui, la vita è essere curiosi. Quando non sei curioso sei morto».

Cosa succede nel mondo
«Vorrei vedere un po', cosa sta succedendo nel mondo - annuncia - vi riporterò un po' le mie sensazioni, i miei viaggi, che poi non sono viaggi. Non so come interpretare, non è un viaggio il mio, è una, è un'allucinazione nella mia mente, che io, che io pongo, vedi sto vaneggiando adesso, non è che posso dirvi quello che potrò fare, beccatevi quello che vi faccio e basta, è tutto in più che potete avere e non dovete essere tutti sulle mie spalle, io non posso essere assolutamente il vostro referente per il vostro futuro, createvelo il vostro futuro».