6 aprile 2020
Aggiornato 04:30
Immigrazione

Migranti, la nave Diciotti arriva in porto. Ma Salvini blocca gli sbarchi

Ha attraccato poco dopo le 15 a Trapani la Guardia costiera con i 67 migranti salvati nel canale di Sicilia. Il ministro dell'Interno: «Non autorizzo a scendere»

TRAPANI – Ha attraccato poco dopo le ore 15 al molo Ronciglio di Trapani la nave Diciotti della Guardia costiera con a bordo 67 migranti salvati nei giorni scorsi nel canale di Sicilia. Tra loro ci sono due indagati per il presunto dirottamento del rimorchiatore Vos Thalassa avvenuto quattro giorni fa. Sul molo sono presenti Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria di porto e Croce Rossa. Ancora nessuna autorizzazione allo sbarco, però, della Guardia Costiera attraccata a Trapani: lo riferiscono fonti del Ministero dell'Interno.

Nessuno scenda
Per lo sbarco «io non do nessuna autorizzazione, se qualcuno lo fa al mio posto se ne assume la responsabilità politica, morale e giuridica». Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini, nella conferenza stampa al termine del consiglio informale dei ministri Ue a Innsbruck. «Io non autorizzo nessuno, se qualcuno lo fa al mio posto se ne assumerà responsabilità morale, politica e giuridica – ha aggiunto – Qui qualcuno prende in giro gli italiani: se gli immigrati hanno commesso violenze sulla Vos Thalassa saranno arrestati, se ha mentito chi ha denunciato le violenze che non ci sono state, se sono stati gli armatori, pagheranno ogni centesimo di euro che sono costati alla collettività». Su quanto accaduto sulla Diciotti «in Procura c'è un dibattito, io non ho fretta di farli sbarcare». Alla domanda su quanto la nave della Guardia Costiera resterà in questa condizione, cioè attraccata a Trapani ma senza poter sbarcare, Salvini ha risposto: «Tutto il tempo necessario. Chi deve decidere ha tutti gli elementi necessari per decidere. Io non faccio il giudice, non faccio l'avvocato, non faccio il poliziotto, non ho interrogato nessuno. Faccio il ministro e devo far rispettare l'ordine pubblico: se ci sono dei violenti, vanno in galera e non in albergo; se non ci sono dei violenti perché qualcuno ha smentito questo, qualcuno ne pagherà le conseguenze. In Procura stanno lavorando, aspettiamo l'esito del loro lavoro, senza voler influenzare nessuno».

Soddisfazione per il vertice
«Chiedo l'intervento europeo sulle Ong perché è stato più volte provato che abbiano interessi non solidaristici ma economici dietro al loro operato – ha ribadito nel suo intervento di fronte ai colleghi europei, a porte chiuse, il ministro Salvini – Esprimo piena soddisfazione per gli impegni portati a casa, che spero si trasformino in fatti il prima possibile, a questo incontro dei ministri degli Interni Ue. Ho evidenziato di cosa abbiamo bisogno per difendere la sicurezza nostra e dei migranti che rischiano di morire. Su alcuni punti c'è condivisione: accordi con i Paesi di provenienza per i rimpatri, aiuto economico alla Libia, riconoscimento della Libia porto sicuro. Ho chiesto la revisione delle missioni navali nel Mediterraneo che di fatto aiutano il mercato di esseri umani, e conto che gli impegni anche su questo diventino fatti nel giro di poche settimane, c'è una riunione su questo tra poco», ha elencato Salvini. Alle domande dei giornalisti su cosa di concreto si sia incassato per il governo italiano, Salvini ha risposto: «È il mio primo summit, di parole ne ho sentite a milioni, vediamo se saremo più bravi e fortunati e alcune di queste parole si tradurranno in fatti. Io un vento così forte di cambiamento non l'ho mai visto soffiare. Con alcuni Paesi membri c'è totale sintonia, con i francesi ci sono alcuni punti che ci allontanano, penso a Ventimiglia. Ma un clima del genere non si respirava da diversi anni in Europa. Per me è un bene, per altri è sciagura e disastri, ma l'Europa o si cambia adesso o non cambia più. È giusto ragionare su quello che accadrà tra qualche mese, ma in Italia stanno arrivando altri due barconi con altre centinaia di migranti. Il mio problema è oggi, non è tra qualche mese».

(da fonte Askanews)

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal