20 ottobre 2019
Aggiornato 18:00

Salvini: «Riporteremo sotto controllo pubblico Bankitalia»

Il leader del Carroccio: «Dobbiamo uscire dalla gabbia di dover tagliare il debito, che è cresciuto di 950 miliardi di euro dal 2002 con le politiche rigoriste»

ROMA - Dobbiamo «rivedere le lenzuolate sulle libere professioni perché hanno creato una guerra nel piccolo territorio. Le regole europee sono fatte sulle grandi aziende. L' Italia e bella perché è diversa. Mettere all'asta piazze e spiagge non esiste, la direttiva Bolkstein non esiste». Lo ha detto Matteo Salvini alla Confcommercio. «Riporteremo sotto controllo pubblico Bankitalia che evidentemente non ha vigilato. Che i controllori controllino» ha detto Salvini. «Quando andrò al governo metterò la garanzia illimitata dello stato sui conti correnti», ha aggiunto il leader della Lega.

Usciamo dalla gabbia
Dobbiamo «uscire dalla gabbia che bisogna tagliare il debito che è cresciuto di 950 miliardi di euro dal 2002 con le politiche rigoriste. Se taglio il debito e quello cresce allora forse devo intervenire sul Pil. Aumentare la gente che lavora, che consuma, che compra, che paga le tasse»ha detto il leader della Lega.