20 settembre 2019
Aggiornato 14:00
Appuntamenti

Eventi a Genova, ecco cosa fare martedì 6 febbraio

Musica, cultura, gusto e attualità. Ecco che cosa vi attende in città ed una piccola guida per non perdere gli appuntamenti migliori dell'inizio della settimana

Genova, ecco cosa fare martedì 6 febbraio
Genova, ecco cosa fare martedì 6 febbraio Shutterstock

GENOVA – Dal Festival ai libri, ai sapori, ai temi di attualità. Ecco qualche consiglio per non lasciarsi sfuggire i momenti più interessanti dell'inizio di settimana genovese.

Festival di Sanremo
Da martedì 6 a sabato 10 febbraio torna il tradizionale appuntamento con Sanremo 2018 - Festival della Canzone Italiana, giunto quest'anno alla sessantottesima edizione. Sanremo - 20 i big che si altereranno sul palco dell'Ariston, proponendo i loro brani originali. Insieme a loro 8 nuove proposte che si sfideranno a colpi di note. A condurre la kermesse canora, che andrà in onda in diretta su Rai1 sarà per la prima volta Claudio Baglioni, coadiuvato da Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.

Libri
Martedì 6 febbraio, dalle 18, alla libreria Feltrinelli di Genova (via Ceccardi), Fabio Zuffanti presenta il libro «Storie Notturne». Le Storie notturne di Fabio Zuffanti - musicista, produttore, artista a 360° - sono una raccolta di racconti, molto brevi, pensati come una sorta dibenefico rifugio solitario alle pressioni della vita. Queste storie sono tratteggiate, raccolte, sempre in bilico tra il reale e l’onirico come a volerci accompagnare all’avvicendarsi tra il giorno e la notte. La sospensione della realtà, tipica di maestri come Buzzati, Borges, Bioy Casares e altri, sembra volersi opporre, idealmente, al realismo imperante in letteratura. Ogni situazione e personaggio va in quella direzione: tutto è giocato nell’irrealtà e nel paradossale, come se fossimo in un abisso composto di sogni e distorsioni. Attingendo ad altre dimensioni possiamo provare a comprendere più profondamente il tessuto delle nostre esistenze, il tempo che passa, la fragilità dei sentimenti.

Gusto
Nell’ambito del progetto regionale «Aspettando Vinitaly», il Consorzio Mercato del Carmine, quale sede della provincia di Genova dell’Enoteca Regionale, comunica di aver predisposto cinque incontri a cadenza mensile, per la presentazione e valorizzazione dei vini regionali Dop e Igp. Martedì 6 febbraio, dalle 19.30, c'è l'ultimo appuntamento del filone «Aspettando Vinitaly». Questa volta il viaggio sarà più frizzante. In programma abbiamo infatti una degustazione dedicata interamente alle bollicine di Liguria, ovvero i migliori spumanti della nostra terraselezionati per qualità e zone di produzione. La sommelier Stefania Panaro, anche questa volta, racconterà tutti i segreti dei vini scelti e gli abbinamenti studiati ad hoc dallo Chef. Evento a numero chiuso pertanto è necessaria la prenotazione: 010 2469184; eventi@mercatodelcarmine.it.

Attualità
Martedì 6 febbraio, in occasione della Giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili, alle 14.30 nel Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi si svolge l'incontro Aspetti giuridici, culturali e sanitari delle Mutilazioni genitali femminili e il fenomeno delle spose bambine. L'infibulazione, secondo i dati Unicef, riguarda nel mondo 125 milioni di donne. Ma non è un problema solo africano, della penisola araba e del sud est asiatico: secondo studi recenti si calcola che in Europa ci sia la presenza di 550 mila immigrate con mutilazioni genitali (in Italia sarebbero da 61 a 80 mila). Per quanto riguarda i matrimoni tra bambine e uomini molto più anziani  i casi più numerosi si registrano in Niger, Repubblica Centroafricana, Chad e Bangladesh ma anche in alcuni Paesi occidentali la legge non tutela le minori. Al convegno partecipano l'assessora alle pari opportunità del Comune Arianna Viscogliosi, il presidente dell'Ordine degli Avvocati Sandro Vaccaro e i rappresentanti di Unicef e Amnesty International. I relatori affronteranno gli aspetti giuridici (Gabriella de Filippis e Alessandra Volpe), medico-sanitari (Rosanna Sarli, medico ginecologa) e socio-culturali (Andrea Pasqualetti, responsabile Amnesty International sezione Liguria) in particolare del fenomeno delle mutilazioni genitali femminili.