13 luglio 2020
Aggiornato 23:30
Appuntamenti

Eventi a Genova, ecco cosa fare giovedì 23 novembre

Dal teatro, ai grandi concerti, dai libri alla cultura. Ecco cosa vi riserva questa serata genovese e qualche dritta per non perdere gli appuntamenti più interessanti

Genova, ecco cosa fare giovedì 23 novembre
Genova, ecco cosa fare giovedì 23 novembre Shutterstock

GENOVA – Gli spettacoli a teatro, la musica dal vivo, i nuovi libri in uscita, le inaugurazioni culturali. Ecco qualche consiglio per destreggiarsi tra gli appuntamenti da non perdere.

Teatro
Giovedì 23 e venerdì 24 novembre arriva al Teatro Carlo Felice l'unica tappa della tournée internazionale del balletto «Notre-Dame de Paris», prodotto dall’Opera di Astana: Dopo le importanti trasferte del Carlo Felice in Kazakhstan e in Oman, il Ministero della Cultura Kazako, a conclusione dell’Expo 2017, ha scelto Genova come unica tappa di una tournée internazionale del balletto «Notre-Dame de Paris». Coprodotto dal Teatro dell’Opera di Astana e Les Ballets Roland Petit Foundation, con i costumi di Yves Saint Laurent, è in scena al lirico genovese giovedì 23 novembre alle 20.30 con repliche il 24 novembre (15.30 e 20.30). «Notre-Dame de Paris», tratto dal romanzo di Victor Hugo, il più famoso autore romantico francese, con la sua trama fortemente popolare debuttò sul palcoscenico del Palais Garnier nel 1965. Il risultato vincente fu la collaborazione di un gruppo di celebrità: il più popolare coreografo francese, Roland Petit, che fu anche il primo interprete del ruolo di Quasimodo, il celebre stilista di grido Yves Saint Laurent, il rinomato compositore Maurice Jarre e il famoso regista e scenografo di cinema e teatro René Allio. Da allora questa originale creazione dal taglio grottesco, imbevuto di plasticità moderna, accentua la bellezza perfetta del balletto classico. La dura realtà e la triste fantasia si intrecciano in questo spettacolo di monumentalità tragica che, quasi subito dopo la prima rappresentazione, si è imposto stabilmente in repertorio diventando un classico indiscusso nel mondo della coreografia contemporanea. Per informazioni: www.carlofelicegenova.it.

Povia in concerto
Giovedì 23 novembre, alle 21, presso il Bonfim 2.0 in Passeggiata Anita Garibaldi di Genova Nervi, appuntamento con il concerto acustico di Povia. Il cantautore milanese, al successo con la sua canzone «I bambini fanno ooh...», cantata fuori gara al Festival di Sanremo 2005, è pronto a portare la sua musica anche a Genova. Musica che, negli anni, ha toccato temi importanti e delicati, dalla bulimia con la canzone «Mia sorella» all'omosessualità con «Luca era gay», fino al tema dell'eutanasia con il brano «La verità», ispirato alla vicenda di Eluana Englaro. Queste e altre canzoni del nuovo cd saranno riproposte in chiave acustica, in una delle località liguri più famose. Si consiglia la prenotazione allo 010 3209612.

Musica live
Al Cane (corso Perrone, 22) Davide Toffolo, il frontman dei «Tre Allegri Ragazzi Morti», band di culto nella scena indipendente degli ultimi 20 anni arriva a Genova. Un’occasione unica per vederlo voce e chitarra e fantasia sfrenata, non sappiamo davvero cosa aspettarci da questo live. Cantante, chitarrista ma anche talentoso fumettista, Toffolo, nel 1994 a Pordenone, fonda insieme al batterista Luca Masseroni e il bassista Enrico Molteni il gruppo «Tre Allegri Ragazzi Morti» che nel giro di pochi anni si impone come uno dei gruppi di riferimento della scena alternative-rock italiana. Le sue doti di disegnatore vanno di pari passo con il percorso musicale della band, tanto da contribuire in maniera determinante alla costruzione della loro immagine.

Libri
Alle 18, incontro con Marco Bianchi che presenterà il nuovo libro «Cucinare è un atto d'amore». La mia dieta tra emozioni, prevenzione e benessere (HarperCollins, 2017). Appuntamento alla Libreria Coop del Porto Antico di Genova.

Mostre
La rinnovata sezione del museo del Risorgimento, intitolata «La guerra esposta». Il primo conflitto mondiale nelle raccolte del Museo delle Guerre d’Italia di Genova,  rappresenta il punto di arrivo del percorso di recupero delle raccolte relative alla Grande Guerra, presentando numerose opere inedite. Attraverso questo progetto espositivo si è inteso proporre all’attenzione del pubblico i temi della guerra, con una narrazione scevra da ogni intento didascalico, grazie al cospicuo patrimonio di opere d’arte, documenti e cimeli raccolti dal museo durante e dopo conflitto: dipinti e disegni realizzati dagli artisti-soldato, fotografie realizzate sul fronte e sul fronte interno, manifesti di propaganda firmati da artisti di fama, cimeli recuperati sui campi di battaglia o realizzati per essere donati al museo al termine del conflitto. Per informazioni: 010 5576430, museorisorgimento@comune.genova.it.