5 dicembre 2019
Aggiornato 22:30
Arezzo

Uccide il marito col mattarello e poi tenta il suicidio

L'allarme della figlia: «Mio padre ha la testa fracassata». La donna salvata in ospedale, ha già confessato: la vittima aveva 62 anni.

Mattarello insanguinato - Immagine di repertorio
Mattarello insanguinato - Immagine di repertorio ANSA

AREZZO - Ha ucciso il marito colpendolo alla testa con un matterello al culmine di una lite. A dare l'allarme è stata la figlia 25enne. E' accaduto poco prima delle 23 di lunedì a Terranuova Bracciolini (Arezzo), quando la figlia ha chiamato il 118 dicendo che i padre era a terra «con la testa fracassata». I sanitari del 118 sono accorsi dandole intanto indicazioni per eventuali tentativi di rianimazione. Al loro arrivo hanno trovato il corpo dell'uomo, 62 anni, tra il bagno e il corridoio. Sul divano la donna, che poi avrebbe anche confessato il delitto. Già nel pomeriggio ci sarebbe stata una lite tra i coniugi.

LA DONNA IN OSPEDALE - La donna subito dopo aver colpito il marito ha tentato di togliersi la vita ingerendo dei farmaci ed è stata soccorsa e trasportata all'ospedale valdarnese della Gruccia.
L'uomo era conosciuto nella zona per aver ricoperto il ruolo di presidente della sezione comunale dell'Avis (volontari per la donazione del sangue) a Terranuova Bracciolini, della quale era rimasto presidente onorario.