Cronaca

Tromba d'aria a Ostia, dieci feriti da sdraio e ombrelloni impazziti

Una tromba d'aria si è abbattuta a Ostia, sul litorale romano, in uno stabilimento sul Lungomare Amerigo Vespucci. Tra ieri e oggi, inoltre, guerra agli abusivi sulla spiaggia, che ha portato a un mancato introito illegale di almeno 80mila euro

La tromba d'aria che si è abbattuta sulla spiaggia di Ostia
La tromba d'aria che si è abbattuta sulla spiaggia di Ostia (Youreporter)

OSTIA - Una decina di persone ferite, da sdraio impazzite e ombrellati sollevati dal vento. Una tromba d'aria si è abbattuta poco fa a Ostia, sul litorale romano, in uno stabilimento sul Lungomare Amerigo Vespucci. Sulla spiaggia attimi di panico. A chiamare i soccorsi sono stati i bagnanti: «All’improvviso si è alzato un vento fortissimo, non capivamo come fosse possibile perché il cielo era limpido. È stato terribile» hanno raccontato. Sul posto sono intervenute subito quattro ambulanze e un'auto medica: i feriti sono stati trasportati in ospedali diversi. Quattro persone sono state medicate sul posto e hanno rifiutato il trasporto in ospedale. Due persone hanno riportato dei traumi cranici e sono stati portati in codice giallo all'ospedale di Ostia. Una persona con un trauma toracico è stata ricoverata a Pomezia in codice giallo. Tre pazienti con leggere contusioni sono state invece trasferite in codice verde al Sant'Eugenio.

Guerra agli abusivi
Una giornata sfortunata sulla spiaggia di Ostia, anche per gli abusivi. Tra ieri e la mattinata di oggi i Vigili hanno fermato e controllato una quarantina di ambulanti abusivi lungo l'arenile libero di Castelporziano, tra questi anche diversi venditori di granite sequestrando carrelli pieni di bottiglie di sciroppi (circa 200 bottiglie in totale). Durante uno dei blitz gli agenti hanno ritrovato circa 40 bottiglie di sciroppi per granite, infestati da insetti e formiche. Nelle vicinanze è stato trovato un carrello maleodorante abbandonato, con all'interno blocchi di ghiaccio. Sequestrati anche circa 300 kg di pannocchie tenute in carrelli sporchi. Fermati venditori di cornetti, ciambelle e bombe con crema, tutti prodotti distribuiti in spiaggia senza tracciabilità, e venditori di giocattoli, materiale elettronico privo di etichettatura CE, merce contraffatta (borse e abbigliamento vario), che operavano anche sulle spiagge libere del lungomare Duca degli Abruzzi, a Ostia Ponente, e a piazzale Magellano. 

80mila euro di mancato "guadagno"
Nella sola mattinata di domenica, infine, sono state sequestrate più di 200 tra bottiglie, lattine di birra e bibite trasportati all'interno di ghiacciaie in plastica, e poi cocco, ancora tanti blocchi di ghiaccio con altri venditori di granite. Al termine della mattinata 12 sono stati i fermati. Si calcola un mancato «guadagno» per gli abusivi di almeno 80mila euro.