27 giugno 2019
Aggiornato 10:30
La Lega Nord contro il governo Renzi

Migranti e sicurezza, Fedriga: «Alfano e Renzi portano il paese alla deriva»

Secondo il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, i reati a Milano sono in calo. Ma chiede rinforzi per la sicurezza della città. Secondo il capogruppo alla Camera della Lega Nord, Massimiliamo Fedriga, «Alfano prende in giro i cittadini»

MILANO - Secondo il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, i reati a Milano sono in calo. Ma chiede rinforzi per la sicurezza della città. Il senatore Gian Marco Centinaio e il capogruppo alla Camera Massimiliano Fedriga, entrambi esponenti della Lega Nord, le cantano al ministro sottolineando le difficili condizioni del capoluogo lombardo.

Alfano: I reati sono in calo
Nei primi nove mesi del 2016 i reati a Milano «sono in calo». Secondo il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, «basta pensare agli omicidi»: nel 2013 erano 13 nel 2014 erano 17 nel 2015 di nuovo 13 e a fine novembre di quest'anno siamo a sette episodi. «I furti e le rapine calano mediamente del 3-4% e il totale generale dei reati è calato del 7%", ha sottolineato Alfano durante la conferenza stampa a Palazzo Marino seguita al vertice con il sindaco Giuseppe Sala e i responsabili delle forze dell'ordine.

Centinaio: Alfano è ridicolo
Alfano ha poi dichiarato che «le forze di polizia e le forze armate presenti in provincia di Milano sono 8.041 tra poliziotti» ed è «una filiera dei vertici di sicurezza da numeri uno».Ma la Lega Nord la pensa diversamente. «Alfano ridicolo, prima permette l'invasione dei clandestini e ora vuole l'esercito. Non sa più che pesci pigliare», dichiara il capogruppo del Carroccio al Senato Gian Marco Centinaio. La promessa di militari e lo stop dell'arrivo dei profughi a Milano è sempre stato quello che la Lega Nord ha chiesto in questi anni al governo Renzi.

Una mossa che ha il sapore della disperazione?
Ma «prima il ministro dell'invasione ci additava come degli allarmisti», ora invece «perché ha paura di perdere il referendum sposa in pieno le politiche della Lega». Secondo Centinaio questa mossa ha il sapore della disperazione. Alfano ha dimostrato solo di essere «il peggior ministro dell'interno dal dopoguerra ad oggi, ma i cittadini non sono stupidi». Sanno che questa è solo propaganda elettorale e il 4 dicembre «manderanno a casa lui e quella marmaglia di incompetenti che hanno il coraggio di essere al governo».

Fedriga: Alfano ha perso ogni pudore
Dello stesso avviso anche il capogruppo della Lega Nord alla Camera, Massimiliano Fedriga: «Alfano ha perso ogni pudore». È ministro dell'Interno da tre anni e mezzo e solo ora si accorge del dramma che stanno vivendo i milanesi in materia di sicurezza? Si chiede il giovane leghista. «Ma dov'era fino ad oggi? E crede che basti inviare 150 militari per risolvere il problema?» Fedriga sottolinea che «il ministro dell'invasione» ha perfino affermato che non invierà altri clandestini a Milano, se diminuiranno gli sbarchi e non ci saranno altre emergenze. In altre parole questo significa che  ne invierà ancora. «Alfano umilia e continua a prendere in giro i cittadini. Le passerelle in giro per il Paese di Alfano e Renzi stanno portando il paese alla deriva», conclude Fedriga.