19 gennaio 2020
Aggiornato 17:30
dietro l'omicidio la volontà di un patricidio

Omicidio Varani, la confessione choc di Foffo: «In realtà volevo uccidere mio padre»

Manuel Foffo avrebbe dichiarato di "aver fatto tutto questo" per vendicarsi di suo padre, verso il quale covava un forte rancore da anni

Una volante della Polizia di Stato.
Una volante della Polizia di Stato. Shutterstock

ROMA - La confessione di Manuel Foffo è agghiacciante. Perfino più del delitto che ha commesso insieme all'amico Marco Prato. «Volevo uccidere mio padre e forse ho fatto tutto questo per vendicarmi di lui», avrebbe detto il giovane killer durante un interrogatorio choc.

L'incontro tra il killer e il padre a Regina Coeli
Emergono nuove inquietanti verità sull'assassinio di Luca Varani. Manuel Foffo ha incontrato il padre nel carcere di Regina Coeli e avrebbe confessato guardandolo negli occhi. L'uomo, provato dagli eventi, ha chiesto al figlio:  «E' vero che mi volevi uccidere?» E la risposta è stata: «Sì, è vero». Sembra che Manuel Foffo covasse da anni un grande rancore nei confronti del genitore, e che la rabbia repressa lo abbia indotto al folle gesto.

La confessione choc
Il padre lo aveva difeso perfino in televisione a poche ore dalla scoperta del delitto, sostenendo di avere «un figlio modello». Ma ora la sconcertante verità lo lascia senza respiro e senza parole. Manuel Foffo è stato ascoltato per la terza volta dal pm Francesco Scavo: «Ho fatto una cosa terribile e agghiacciante, non so come potrò mai scusarmi con i genitori di Luca", avrebbe detto. Poi la confessione choc: «Volevo ucciderlo e forse ho fatto tutto questo per vendicarmi di lui», avrebbe dichiarato il killer parlando del padre. Quel padre a cui ora, insieme a tutta la famiglia, urlano contro per la strada: «Assassini!».Le indagini proseguono, ma il delitto di Luca Varani continuerà a essere una delle pagine più nere della nostra storia capitolina.