29 settembre 2020
Aggiornato 13:00
l'intervista al leader della Lega Nord

Roma, Salvini: «Castrazione chimica per i killer di Luca Varani. E internate la Boldrini»

Il segretario del Carroccio le ha cantate in diretta radiofonica a Guido Bertolaso, a Laura Boldrini e ha chiesto la castrazione chimica per i killer della Capitale

ROMA - Il leader della Lega Nord è intervenuto in diretta al programma radiofonico "La Zanzara", su Radio 24, e ha rilasciato una lunga intervista senza freni inibitori. Le ha cantate a Bertolaso, ma anche al presidente della Camera, Laura Boldrini, e ha anche chiesto la castrazione chimica per i due killer di Luca varani.

Salvini: Castrazione chimica per i killer di Varani
«Il delitto di Roma? Io sono per la castrazione chimica, gli assassini non devono avere in mezzo alle gambe qualcosa con cui possono minacciare il prossimo. E poi quei due non devono rivedere la luce del sole finché campano». Lo ha detto Matteo Salvini, leader della Lega Nord, a "La Zanzara" su Radio 24, sull'uccisione di Luca Varani. Ma che c'entra la castrazione chimica, non è stato uno stupro, dicono i conduttori: «Era una specie di orgia sesso, droga, violenza, tutto e il resto. Castrazione chimica tutta la vita».

"La Boldrini è una matta da internare"
E a proposito della Boldrini? «La Boldrini? E' matta, da internare. Ha detto che siccome gli italiani non fanno figli, allora dobbiamo portare in Italia 400 mila schiavi stranieri?", così il leader della Lega Nord ha commentato alcune frasi sull'immigrazione pronunciate dal Presidente della Camera Laura Boldrini. «La Boldrini - ha detto Salvini - è da ricoverare, da curare. Impeachment, sfiducia, oppure da mettere in un barcone, in senso contrario però».

La Lega Nord ha chiuso con Bertolaso
Poi il segretario del Carroccio è tornato sulla politica romana, ed ha sottolineato ancora una volta: «Bertolaso non sarà mai il nostro candidato a Roma. Se la Meloni si candida, sono contento e farò una campagna elettorale quartiere per quartiere. Altrimenti vedremo...», ha proseguito poi Matteo Salvini a La Zanzara su Radio 24. «Il discorso su Bertolaso - ha detto Salvini - per noi è chiuso. Non può essere il nostro candidato chi dice che per risolvere il problema dei rom che rubano bisogna togliere i cassonetti dalle strade. Allora togliamo anche i semafori dagli incroci perchè chiedono i soldi. Lui ha detto che della Lega non gliene frega niente, a noi Bertolaso non interessa». E sulla Meloni che non può fare il sindaco perché incinta?: «Bertolaso - ha sotenuto Salvini - è fermo a 50 anni fa, è pieno di mamme che lavorano e donne che lavorano, incinte e subito dopo il parto». Poi ha concluso: «Non credo Berlusconi, ma tanti dentro Forza Italia sono nostalgici degli inciuci con Renzi e stanno lavorando per perdere e fare un favore a Renzi. Se vogliono andare con Verdini e Alfano vadano pure, io non sono nato per inciuciare».