24 giugno 2017
Aggiornato 15:30
sel contro il pd

Roma, Peciola (Sel): «Le "primariette" del Pd sono state un fallimento annunciato»

Gianluca Peciola, esponente di Sinistra Ecologia e Libertà, attacca il Partito Democratico sottolineando il flop all urne del weekend

Nichi Vendola.
Nichi Vendola. (Shutterstock.com)

ROMA - Sel commenta i risultati delle primarie del Pd, che si sono svolte ieri nella Capitale e hanno decretato la vittoria del candidato renziano, Roberto Giachetti.

Peciola: Un fallimento annunciato
«Le avevo chiamate 'primariette', ma ho esagerato in eccesso. Un fallimento annunciato. Questo succede quando le sbagli tutte, quando decine di migliaia di persone scelgono un sindaco con primarie vere e tu lo abbatti dal notaio insieme agli uomini della destra, quando l'arroganza diventa la cifra dell'agire politico nel confronto politico interno ed esterno, quando vedi la città solo come terreno di conquista politica", così scrive sul suo profilo Facebook Gianluca Peciola, esponente di Sel. 

"Non possiamo essere felici di questa sconfitta"
E prosegue: «Dobbiamo essere felici di questo disastro? No, perché ogni fatto democratico fallito è una sconfitta; no, perché i sentimenti di vendetta sono parte del problema della nostra Sinistra, come tutti i sentimenti che non riguardano le condizioni di vita dei romani e delle romane. Delle vendette contro gli altri partiti, ai romani, interessa poco, forse nulla. In una città massacrata dalla crisi e dai tagli del Governo servono le passioni migliori, positive, energia rivolta al fare e al futuro. Energie che a Sinistra esistono, dentro e fuori i partiti e chiedono coinvolgimento e possibilità di decidere» conclude Peciola.