12 aprile 2021
Aggiornato 08:30
testa a testa con bertolaso

Comunali Roma, Storace: «Via i campi rom entro 6 mesi»

Secondo il candidato sindaco "non è accettabile che ci siano zone franche rispetto alla legalità" nella Capitale

ROMA - Il candidato sindaco Francesco Storace non ha dubbi sui campi Rom: vanno chiusi al più presto. E sulla questione si trova particolarmente affiatato con Matteo Salvini.

Storace: Chiudiamo i campi rom entro 6 mesi
«I campi rom credo che nel giro di 6 mesi vadano chiusi. Non se ne può più», così esordisce il leader de La Destra e candidato a sindaco a Roma, Francesco Storace, ai microfoni di Tele Radio Più. «La questione è semplice: se vince la sinistra i campi rom ce li teniamo 20 anni, se vince la destra la soluzione per chiuderli c'è. Non è accettabile che ci siano zone franche rispetto alla legalità. In questa città ci deve essere il controllo del territorio e il campo rom non lo garantisce", prosegue il candidato sindaco.

Supportato da Salvini: che male c'è?
E sul suo rivale nel centrodestra, Guido Bertolaso, preferisce sorvolare: «Non mi faccia inseguire le dichiarazioni di Bertolaso perché l'altro giorno ha anche detto che dobbiamo togliere i cassonetti dalle strade... E che facciamo, la discarica a casa di Anemone? Non ho capito...».Storace riprende invece la parola se si tratta di Matteo Salvini. Io supportato da 'Noi con Salvini'? «E che male c'è? Se diventano 'Noi con Storace' che male c'è? Credo sarebbe naturale perché Salvini cosa ha interpretato in questo ultimo anno? Una voglia di rottura con vecchi sistemi, ha rappresentato un'idea di sovranità, un'idea di ripresa di identità propria della Nazione. Ha tentato e ha dato l'idea di volerla estendere a tutta Italia. Finora abbiamo visto alcuni passi, vediamo cosa succede, certo troverei innaturale un posizionamento della Lega su altri candidati, però senza far forzature io aspetto l'esito del loro dibattito, ma mi interessa di più polemizzare con la sinistra", conclude Storace.

(Fonte Askanews)