16 ottobre 2021
Aggiornato 19:30
indagini in corso sugli ultimi 5 anni di appalti

Atac, la procura di Roma apre un'inchiesta

Oggetto dell'inchiesta in corso non solo appalti, ma anche tutti i disservizi che hanno caratterizzato il sistema di trasporto capitolino negli ultimi mesi

ROMA - La procura di Roma indaga su Atac: «A seguito del mio esposto, la procura di Roma ha aperto un'inchiesta su ultimi 5 anni di appalti», ha rivendicato, con un post su Facebook Stefano Esposito, senatore Pd ed ex assessore ai trasporti di Roma.

Esposito rivendica il suo ruolo nella vicenda
Esposito, in una recente intervista a Radio Cusano Campus, ha confermato di essere a disposizione del Commissario di Roma Francesco Paolo Tronca per la questione trasporti nella Capitale e ha ribadito la necessità di una "rivoluzione" in Atac, a partire dai dirigenti. Il suo fascicolo-esposto sui trasporti capitolini è approdato in procura e i pm hanno aperto un fascicolo senza indagati né ipotesi di reato, riguardo alla gestione degli appalti in Atac e più in generale alla mobilità a Roma. In particolare, la lente si concentrerà sugli ultimi cinque anni di appalti dell'azienda, ma anche sui nodi più critici della mobilità, come la linea Roma-Lido e la metropolitana: le criticità che l'ex assessore Esposito aveva sottolineato nella documentazione portata il mese scorso a piazzale Clodio.

L'inchiesta farà luce sugli appalti illeciti e sui disservizi
Oggetto dell'inchiesta in corso non solo appalti dunque. I magistrati si interesseranno anche di far luce sui disservizi che hanno caratterizzato il sistema di trasporto capitolino negli ultimi mesi, in particolare sulla Roma-Lido e sulle metropolitane. Il Codacons ha espresso grande soddisfazione: «Finalmente la magistratura metterà le mani sugli appalti dell'azienda capitolina, e forse verrà svelato il mistero dei tanti problemi, guasti e disservizi che caratterizzano il trasporto pubblico a Roma. Da anni denunciamo in Procura i disagi che subiscono gli utenti di bus e metro della capitale, e se dall'inchiesta dovessero emergere eventuali illeciti, sarà inevitabile un'azione legale da parte degli abbonati Atac, i quali potranno rivalersi sui responsabili individuati dalla magistratura per i danni subiti in qualità di fruitori dei servizi resi dall'azienda» ha scritto in una nota il presidente Carlo Rienzi. (Fonte Askanews)