22 gennaio 2021
Aggiornato 08:00
Difesa

Mauro: «La spesa per la difesa in Europa consistente ma irrazionale»

Il Ministro della Difesa: «Responsabilità non degli Stati maggiori ma della politica»

ROMA - La spesa per la difesa in Europa, per quanto diminuita, «rimane consistente ma soprattutto rimane irrazionale»: lo ha affermato il ministro della Difesa Mario Mauro sottolineando come ciò non dipenda dagli stati maggiori, quanto dalla politica.

SCELTE POLITICHE - «Ad esempio, se in Francia il Front National è favorito per le prossime elezioni europee, all'indomani di un suo successo siamo sicuri che vi sarebbe una stabilità di comportamento sulla difesa? L'irrazionalità è legata a timori ed incertezze sull'integrazione europea: abbiamo già dei battle groups europei, se ne possono avere quanti se ne vuole ma se non c'è accordo fra Paesi membri non ne verrà mai impiegato nessuno».