29 settembre 2020
Aggiornato 12:30
Emergenza caldo

Arriva Caronte, venerdì «allarme rosso» in 4 città

Nel fine settimana attesi 40 gradi dall'Emilia alla Sicilia, poi l'afa cala

ROMA - Attenzione a chi vive a Perugia, Reggio Calabria, Rieti e Roma: venerdì saranno queste quattro città ad essere per prime investite dai 'bollenti effetti' di Caronte, il nuovo anticiclone africano subtropicale che nel fine settimana colpirà gran parte della Penisola facendo schizzare di nuovo le temperature sui 40 gradi.

Secondo il quotidiano bollettino sulle ondate di calore del Ministero della Salute, infatti, venerdì la massima percepita sarà di 35 gradi a Perugia, 36 a Reggio Calabria e Rieti, 34 a Roma: una giornata da 'allarme rosso', nella quale cioè per il gran caldo si potrebbero avere «condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive». Sempre venerdì saranno invece 8 le città con un livello 2-arancione («condizioni meteorologiche che possono rappresentare un rischio per la salute»): Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Frosinone, Latina, Milano e Torino.

Ma secondo i meteorologi sarà soprattutto tra sabato e domenica che Caronte sprigionerà tutta la sua potenza, provando a superare il record giornaliero delle città in 'allarme rosso' detenuto quest'anno dal suo predecessore, l'anticiclone Scipione: venerdì scorso erano state nove.

Nel week-end ilmeteo.it prevede infatti oltre 38 gradi record a Roma, 40 al Sud e in Abruzzo e tra Ferrara e Bologna, 39 dall'Emilia Romagna al Molise, 38 a Firenze, 36 a Venezia, 38 a Padova. Lunedì 2 luglio il caldo si attenua al Nord e in Sardegna (grazie al passaggio di temporali sulle Alpi, in Piemonte, Lombardia e Trentino-Alto Adige), ma sarà sempre afa record al Centro-Sud, dalla Sicilia alle regioni adriatiche con 40 gradi. Nei giorni successivi della settimana Caronte rimarrà al Sud, mentre altrove il sole tornerà con temperature leggermente più basse, ma in nuova ripresa.