17 settembre 2019
Aggiornato 00:30
Lotta alla Camorra

Catturato in Spagna il latitante D'Avino

La sua donna aveva pubblicato su Facebook foto della vacanza. Tentata estorsione in hotel sul litorale domizio: 5 arresti

NAPOLI - I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli in collaborazione con la Guardia Civil hanno catturato nei pressi di Marbella (Spagna) il latitante Salvatore D'Avino, 39 anni, legato, anche da vincoli di parentela, al clan camorristico dei «Giuliano» già operante nel centro storico di Napoli, già noto alle forze dell'ordine e inserito nell'elenco dei 100 ricercati di massima pericolosità.
Il ricercato si era dato alla macchia da anni rifugiandosi in Marocco. La sua compagna marocchina si era trasferita sotto falso nome in Spagna per partorire (seguita alcuni giorni fa da D'Avino) e aveva pubblicato su Facebook alcune sue foto in località turistiche della Costa del Sol. Sono state proprio le foto a tradire il latitante.
All'uomo i Carabinieri hanno notificato 2 ordini di carcerazione emessi nel 2003 e 2007 dalla magistratura partenopea (dovrà scontare circa 20 anni di reclusione per traffico e spaccio di droga aggravati dal metodo mafioso).

Tentata estorsione in hotel sul litorale domizio: 5 arresti - Sono accusati di aver tentato di estorcere denaro al titolare del Grand Hotel Pinetamare di Mondragone, sul litorale domizio, per conto del clan dei Casalesi. Cinque i decreti di fermo emessi dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ed eseguiti dai carabinieri. Il provvedimento cautelare è scaturito al termine di un'attività d'indagine condotta nei confronti dell'organizzazione camorristica. In manette: Luca Aprea, Vincenzo Fioretto, Natale Fioretto, Vincenza Vorzillo e Alessandro Froncillo.
Durante l'operazione condotta dai militari dell'Arma sono anche stati sottoposti a sequestro i locali utilizzati dagli arrestati per attuare il proprio disegno criminoso.