2 agosto 2021
Aggiornato 07:00
Appalti

D'Alema: Contro la mia Fondazione solo stupidaggini

«Accuse ridicole e fantasiose»

NAPOLI - Il presidente della Fondazione Italianieuropei, Massimo D'Alema, respinge al mittente le accuse di presunte irregolarità ipotizzate in questi giorni nell'ambito dell'inchiesta che tocca anche Finmeccanica. D'Alema definisce le accuse «totalmente ridicole e fantasiose». «Stupidaggini che non stanno nè in cielo nè in terra - ha detto interpellato dai giornalisti a Napoli - e che solo una certa informazione di serie B ha raccattato e rilanciato».

L'esponente democratico ha definito quanto riferito da alcuni giornali «una montatura abbastanza vergognosa». «Una fondazione culturale non è un partito - ha spiegato - non ha finanziamenti pubblici e percepisci finanziamenti dai privati. Non si capisce perchè - ha concluso D'Alema - dovrebbe prendere di nascosto finanziamenti che ha in modo del tutto trasparente. La legge incentiva i finanziamenti dei privati con vantaggi fiscali a chi li fa».