26 settembre 2022
Aggiornato 10:30
Camorra

Pdl Roma: Ridicole le accuse di Pd e Idv contro Alemanno su Magliocca

«La Sinistra ha isteria giustizialista a comando». A difesa del Sindaco è scesa in campo anche Barbara Saltamartini, responsabile nazionale per le Pari Opportunità del Pdl

ROMA - Il Pdl di Roma è sceso in campo per rispondere alle critiche avanzate dell'opposizione in merito alla vicenda di Giorgio Magliocca, il sindaco di Pignataro Maggiore e consulente del sindaco di Roma Gianni Alemanno arrestato per concorso esterno in associazione camorristica. In particolare gli esponenti del partito definiscono «ridicole» le accuse Pd e Idv nei confronti del primo cittadino della Capitale.

«Anche oggi - ha detto il coordinatore del Lazio, Vincenzo Piso - assistiamo all'ennesimo, ridicolo tentativo da parte di Pd e Idv di additare Alemanno come colpevole per avere, fra il personale capitolino, un dipendente accusato di collusione con la camorra. Ricordiamo, agli illustri giustizialisti ad personam, che le accuse dovranno essere vagliate da un tribunale e che Magliocca lavora in Campidoglio avendo vinto un pubblico concorso indetto e celebrato dalla precedente Amministrazione. Se non lo trovarono non idoneo loro, che il concorso lo hanno fatto».

Per il coordinatore romano del Pdl, Gianni Sammarco, «tra le fila del Pd evidentemente si annidano tanti giudici improvvisati che, in spregio alla presunzione d'innocenza, hanno emesso le proprie sentenze di condanna; probabilmente senza nemmeno conoscere le carte.
Per fortuna, spetterà alla magistratura inquirente fare luce sulla posizione di Giorgio Magliocca e su una vicenda che appare molto lontana da Roma Capitale, ove Magliocca aveva un ruolo meramente tecnico e non certo politico dal quale, peraltro, il sindaco Alemanno, applicando la Legge, lo ha giustamente sospeso».

A difesa di Alemanno è scesa in campo anche Barbara Saltamartini, responsabile nazionale per le Pari Opportunità del Pdl. «Non è la prima volta - ha affermato in una nota - che assistiamo a una sinistra garantista a convenienza. La vicenda del sindaco di Pignataro Maggiore, Giorgio Magliocca, è emblematica di questa isteria giustizialista a comando. Le accuse, per Pd e Idv, si sono automaticamente trasformate in sentenza senza che vi sia ancora stato il processo. Le accuse a Magliocca sono gravi e spetta ai giudici emettere le sentenze. Non ci risulta ancora che in Italia siano stati istituiti i tribunali del popolo. E, poi, cosa dovrebbe spiegare Alemanno? Che un dipendente comunale, ritenuto idoneo a un concorso pubblico indetto da Veltroni, lavori in Campidoglio?» .