15 ottobre 2019
Aggiornato 13:00
Caso diplomatico

Battisti, oggi presidi e proteste. Berlusconi vede Torreggiani

Ma i politici sono divisi: a Roma sit-in separati per chiedere l'estradizione dell'ex terrorista che il Brasile non cede

ROMA - Silvio Berlusconi incontrerà stamattina a Milano Alberto Torreggiani, figlio del gioielliere Pierluigi Torreggiani per il cui omicidio Cesare Battisti è stato condannato all'ergastolo; nella rapina il figlio Alberto rimase paralizzato da un proiettile. L'incontro fra il premier e il responsabile Giustizia del Movimento per l'Italia avviene in una giornata di mobilitazione contro l'asilo politico concesso a Battisti dal Brasile e annunciato il 31 dicembre dall'ormai ex presidente Lula. La decisione non è definitiva ma le chances che l'Italia veda riconosciuto il suo diritto all'estradizione dell'ex terrorista sembrano diminuire.

Ci sono presidi e sit-in programmati oggi a Roma e Milano mentre quasi tutte le parti politiche reclamano dal Brasile un cambi di rotta. Intanto i paesi dell'Unione europea potrebbero manifestare la loro solidarietà all'Italia secondo il quotidiano brasiliano Folha de Sao Paulo, che riporta indiscrezioni raccolte presso alcuni ambasciatori europei. I paesi coinvolti in queste conversazioni informali sarebbero in particolare Spagna, Portogallo e Gran Bretagna, ma secondo quanto riporta il giornale brasiliano. Non però la Francia di Sarkozy che anzi secondo alcuni avrebbe fatto pressione sul Brasile perché Battisti non fosse estradato.

Intanto gli avvocati dell'ex attivista italiano di estrema sinistra hanno richiesto la sua scarcerazione alla Corte suprema. Lo hanno indicato fonti vicine al dossier. Un portavoce della Corte suprema federale ha confermato che il tribunale ha «ricevuto una richiesta degli avvocati di Battisti» perchè esca dal carcere di Brasilia dove è recluso. «Non sappiamo ancora quando questa domanda sarà esaminata», ha aggiunto il portavoce.