19 maggio 2024
Aggiornato 13:30
Lodo Alfano

Vizzini: In commissione riflettiamo su emendamenti

Si possono depositare fino a giovedì; ddl al centro di polemiche

ROMA - Resta al centro delle polemiche politiche il lodo Alfano. Se non verranno approvati gli emendamenti che prevedono la non-reiterabilità della legge, l'Udc voterà contro al ddl che prevede la sospensione dei processi per le alte cariche, ha spiegato oggi il presidente dei centristi al Senato, Gianpiero D'Alia. Intanto il presidente della commissione Affari costituzionali del Senato Carlo Vizzini (Pdl), spiega la sua proposta, accolta dalla commissione, di riaprire fino a giovedì alle 16 i termini degli emendamenti sul ddl lodo Alfano: "c'è la necessità di una riflessione seria sugli argomenti posti da diversi gruppi".

Il ministro Alfano da parte sua ha invitato la commissione a "valutazioni ponderate" e sull'ipotesi di eliminare la reiterabilità parla di "considerazioni di buon senso".

E la Lega invita gli alleati alla moderazione: "Bisogna innanzitutto evitare polemiche inutili, che non servono a nessuno", dice Federico Bricolo, presidente dei senatori del Carroccio. "Lo stesso provvedimento è già in vigore in molti Paesi europei a cominciare dalla Francia. Detto questo - conclude Bricolo - non bisogna avere fretta e bisogna cercare in commissione la massima condivisione possibile".