20 settembre 2019
Aggiornato 13:30
La scuola di Adro

Il sindaco: se me lo chiede Bossi tolgo i simboli

Il leghista Lancini: «Per ora solidarietà da tutto il partito». E il leader della Lega: «Forse ne ha messi troppi»

ADRO - Il sindaco di Adro (Bs), il leghista Oscar Lancini, non demorde e, nonostante le polemiche di questi giorni si dice pronto a rimuovere i simboli della Lega, con i quali ha imbottito la nuova scuola media statale del suo paese, solo se ad ordinarglielo sarà Umberto Bossi in persona.

«Prima di essere sindaco, sono un militante della Lega Nord - ha detto Lancini al telefono con Apcom -. In qualità di militante ho giurato fedeltà al movimento e il movimento, oggi, è capitanato dall'onorevole, ministro Umbero Bossi. Se domani mattina Umberto Bossi mi dice: 'Togli i simboli', non aspetto il giorno dopo».
Sulle dichiarazioni del senatùr apparse sui giornali, secondo cui i «soli delle Alpi» nella scuola di Adro sarebbero «effettivamente un po' troppi», Lancini preferisce glissare: «A me non l'ha detto e finora non l'ho sentito - ha commentato - se davvero lo pensa, lo dica anche a me. Non sempre quello che si legge sui giornali corrisponde alla realtà; per ora ho solo la solidarietà e l'appoggio di tutto il movimento e tutti mi hanno detto di tener duro».