20 gennaio 2020
Aggiornato 02:00
Attentato a Kabul

Berlusconi: il dovere dell'Italia è opporsi alla violenza

«Colazzo vittima di un terrorismo infame, addolorato tutto il Paese»

ROMA - E' «dovere» dell'Italia opporsi alla «follia della violenza» in Afghanistan, a difesa della popolazione civile. Lo ribadisce il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, esprimendo cordoglio per la morte di Antonio Colazzo, vittima di una nuova «infame azione terroristica».

«Apprendo con dolore - afferma Berlusconi in una nota - la notizia dell'uccisione del consigliere diplomatico Pietro Antonio Colazzo nell'attentato di oggi a Kabul. Un fedele servitore dello Stato, morto compiendo il suo dovere in un Paese martoriato da infami azioni terroristiche. L'Italia è impegnata in Afghanistan proprio per proteggere la popolazione civile dalla follia della violenza e dell'intolleranza, alla quale sentiamo il dovere di opporci. Mi unisco, insieme a tutti gli italiani, al dolore dei familiari e degli amici del nostro caduto».