14 ottobre 2019
Aggiornato 12:00
Politica & Riforme

Casini: fronte legalità Pd-Udc contro i falchi del PdL

«Serve un percorso comune sulle riforme a partire dal superamento del bicameralismo perfetto»

ROMA - Pier Ferdinando Casini invita a «non far cadere l'appello del Capo dello Stato al quale un pò tutti abbiamo risposto con un eccesso di strumentalità. Dobbiamo ripartire dal voto del Senato sulle riforme. L'ho detto l'altra sera incontrandoli di persona a Bersani e D'Alema. L'ho ripetuto al telefono a Berlusconi e a Gianni letta. Questo è il momento di chiudere i falchi in gabbia e far volare le colombe». Il leader dell'Udc in un'intervista a Repubblica lancia la proposta di «sederci a un tavolo con Pd e Pdl e trovare una via d'uscita all'eterna transizione italiana».

«Superare il bicameralismo perfetto» - E secondo Casini questo può essere fatto «con la riforma dello Stato a partire dal superamento del bicameralismo perfetto, dalla precisazione dei poteri del capo del governo, dalla rivisitazione critica del federalismo voluto dalla Lega che è affidato più ai decreti attuativi che alla legge».
Il leader centrista avverte però che «se il Pdl vuole strumentalizzare l'aggressione a Berlusconi per far ingoiare il processo breve al Parlamento si sbaglia di gross. Troverà un fronte legalista nell'Udc e nel Pd«