31 ottobre 2020
Aggiornato 04:30
Reazioni. Mistero sulla morte del trans

Un'amica di Brenda: «Era fortemente minacciata»

«Molti avevano le chiavi dell'appartamento. Chiunque volesse farle male poteva farne una copia»

ROMA - Brenda era «fortemente minacciata». Lo afferma Maria, una conoscente della trans trovata cadavere nel suo appartamento, che sottolinea: «Non credo che si sia uccisa».

Ai microfoni di SkyTg24, la trans ha spiegato di aver notato «di giorno e di notte» delle persone «sue amiche, spesso trans e gente che lei frequentava» che entravano «con la chiave nel suo appartamento.

«Andavano con le chiavi - ha raccontato l'amica -, ma non so se era in casa quando entravano. Lo facevano a qualsiasi ora. Chiunque avesse voluto farle del male poteva fare copia delle chiavi e darla a chi era interessato».

«Lei - sottolinea Maria - mi diceva per te è facile parlare, ma io non posso parlare. Da quelle parole ho capito che era fortemente minacciata».