19 giugno 2021
Aggiornato 02:00
Cambiamenti climatici

La Regione insieme alla campagna «Crea un clima di giustizia»

Affrontare la sfida dei cambiamenti climatici in un’ottica di giustizia sociale nei rapporti tra nord e sud del mondo

ROMA - Affrontare la sfida dei cambiamenti climatici in un’ottica di giustizia sociale nei rapporti tra nord e sud del mondo. Comprendere gli effetti disastrosi dei cambiamenti climatici non solo alle nostre latitudini, ma anche nei paesi in via di sviluppo per orientare le politiche ambientali verso lo sviluppo sostenibile. Questi in sintesi gli obiettivi della campagna «Crea un clima di giustizia», promossa da Focsiv e Target 2015 e sostenuta, tra gli altri, dalla Regione Lazio.

La campagna, presentata oggi a Roma presso Villa Piccolomini, ha visto la presenza del presidente Marrazzo, che nel suo intervento ha ricordato: «Quanti popoli possono oggi sedersi al tavolo delle risorse? Come il territorio può intervenire nella governance globale? La Regione deve puntare ad essere l'istituzione che dal livello territoriale possa incidere con le sue scelte sulla governance mondiale».

La campagna, in vista della scadenza degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto nel 2012, intende chiedere ai governi, nell’ottica di un rinnovato impegno, un accordo globale che porti al riconoscimento del diritto sviluppo sostenibile per gli abitanti dei paesi poveri, il supporto dei paesi industrializzati agli sforzi di adattamento dei paesi in via di sviluppo e la limitazione dell'aumento delle temperature globali.

«Come presidente di Regione voglio sostenere questa campagna perché credo sia importante ritrovarsi sui valori, e ripartire da questi per sostenere le battaglie civili». Nel corso della conferenza stampa il presidente ha sottoscritto on-line l’appello a sostenere la campagna sul sito www.climadigiustizia.it.