19 gennaio 2020
Aggiornato 00:00
banda ultralarga

Così Milano diventa il più grande laboratorio 5G in Europa

Parte ufficialmente la sperimentazione 5G di Vodafone Italia a Milano. Per l’operatore si tratta di un investimento complessivo di oltre 90

Così Milano diventa il più grande laboratorio 5G in Europa
Così Milano diventa il più grande laboratorio 5G in Europa Shutterstock

MILANO – Una città connessa, dove le tecnologie collaborano tra di loro al servizio del cittadino. Prende il via ufficialmente la sperimentazione 5G di Vodafone Italia a Milano. Obiettivo: coprire entro la fine del 2018 l’80% della popolazione del capoluogo lombardo e dell’intera area metropolitana, per arrivare al 100% entro il 2019.

Un investimento da 90 milioni
Per l’operatore si tratta di un investimento complessivo di oltre 90 milioni di euro, dopo essersi aggiudicata il bando pubblico indetto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Lo ha spiegato l’Ad del gruppo, Aldo Bisio, nel corso della presentazione del progetto a Palazzo Marino, alla presenza del sindaco Beppe Sala e del sottosegretario del Mise, con delega alle telecomunicazioni, Antonello Giacomelli.

Il più grande laboratorio 5G in Europa
«Con questa sperimentazione Milano diventa il più grande laboratorio 5G in Europa, diventa la capitale europea del 5G», ha sottolineato Bisio. Due i centri di ricerca impiegati, 28 i partner dell’iniziativa, con una importante partnership con il Politecnico di Milano e il supporto di 10 aziende e istituzioni locali. «La sperimentazione dura 4 anni – ha spiegato ancora – ma vogliamo dare una accelerata ed entro la metà del 2019 contiamo di aver realizzato l’80% delle cose che vogliamo progettare».

Contro il divario digitale
Tre gli obiettivi strettamente connessi alla sperimentazione del 5G: velocità di download fino a 10 Gbps, latenza di 1-10 ms, 1 milione di oggetti connessi per chilometro quadrato. Soddisfatto il sindaco Sala: «E’ un progetto molto importante per la nostra città, dimostrazione della nostra volontà di guardare al lungo termine e una progettazione a lungo termine non può che passare dalla rivoluzione digitale. La rete 5G, oltre a portare una significativa evoluzione in ambiti come salute, ambiente e sicurezza, sarà un ottimo strumento per abbattere il divario digitale tra il centro e le periferie, attraverso il potenziamento della banda larga che diventerà accessibile in ogni quartiere».

I progetti di sperimentazione
Ma non solo. Il 5G rappresenta il lasciapassare per l’Internet of Things e per una città sempre più connessa. I progetti che faranno parte della sperimentazione saranno 41 - realizzati con la collaborazione del Politecnico di Milano - e serviranno per rendere davvero fruibili e concreti i vantaggi offerti dal 5G. Nell’ambito della salute si sperimenteranno l’ambulanza connessa e i sistemi di analisi e di consulto da remoto; nella mobilità i sistemi anticollisione grazie a sensori situati sui veicoli e sulle infrastrutture stradali; nell’ambito della sicurezza i droni per le riprese aeree in occasioni di grandi eventi; nell’entertainment l’uso della realtà aumentata per proporre ai turisti esperienze immersive nelle risorse del patrimonio artistico e culturale; nel manufactoring i robot per l’agricoltura di precisione, per ottimizzare l’utilizzo delle risorse.