24 maggio 2019
Aggiornato 21:00
realtà virtuale

Facebook chiude Oculus Story Studio

Una decisione sofferta, ma quanto mai inevitabile. Anche perchè, quanto a visori per la realtà aumentata, pare che il settore ludico sia decisamente in ribasso

Facebook chiude Oculus Story Studio
Facebook chiude Oculus Story Studio ( Shutterstock )

ROMA - Fa riflettere la chiusura, da parte di Oculus VR, dell’appena fondato Oculus Story Studio, lo studio di sviluppo che avrebbe dovuto creare dei corti girati interamente per la realtà virtuale. Lo ha fatto per solo un anno, peraltro partorendo un successo come quello di Henry e Angelica, vincitore di un Emmy Awards Lost. Eppure qualcosa non è andato per il verso giusto. Facebook, dal suo canto, ha fatto sapere che non ha alcuna intenzione di estraniarsi dal mercato della realtà virtuale, ma che, da ora in poi, affiderà i contenuti a produttori esterni.

Facebook chiude Oculus Story
Una decisione sofferta, ma quanto mai inevitabile. Anche perchè, quanto a visori per la realtà aumentata, pare che il settore ludico sia decisamente in ribasso, in controtendenza rispetto a tutto il mercato della realtà virtuale che, calcoli alla mano, dovrebbe raggiungere entro il 2020 i 162 miliardi di dollari, con un tasso medio di crescita annua del 181,3%. Oculus, infatti, destinerà anche 50 milioni di dollari al finanziamento diretto di progetti di creazioni di contenuti di realtà virtuale non per videogiochi. Comunque i progetti third party continueranno a essere sovvenzionati, come già avvenuto l'anno scorso per titoli come Robo Recall, Rock Band VR e Wilson's Heart, oltre che per esperienze come Through the Ages di Felix & Paul e Follow My Lead.

I costi
E poi non dimentichiamo il problema dei costi. Da qualche mese Oculus ha lanciato la produzione di massa in Europa (l’Italia ovviamente ne è rimasta fuori). Ad oggi il più "conveniente" è Oculus Rift con i suoi 699 euro per il visore e 199 euro per i due controller. Una spesa non indifferente che Oculus ha deciso di contenere attraverso una promozione per gli utenti PC: d’ora in poi con 709 euro, ci si potrà portare a casa il visore più i controller touch. SI tratta di un abbassamento del prezzo di quasi 300 euro, vale a dire il 30%.

Facebook abbandona la produzione
Facebook aveva rilevato Oculus nel 2014 per 3 miliardi di dollari, un'operazione fortemente voluta dall'amministratore delegato Mark Zuckerberg, convinto che "dispositivi che offrono visione panoramica a 360 gradi diventeranno parte della vita quotidiana di miliardi di persone». Con questa operazione, tuttavia, Mark Zuckerberg esce - di fatto - dal business della produzione di contenuti, diminuendo, così, il suo coinvolgimento finanziario nel settore di cui è uno dei maggiori attori.