17 giugno 2019
Aggiornato 17:30
investimenti

LVenture Group sostiene il crowdfunding di Scuter

La campagna di crowdfunding aperta su Mamacrowd il 15 dicembre scorso andrà avanti fino al 20 marzo con l’obiettivo di raccogliere 150mila euro di aumento di capitale per avviare l’attività B2B e testare veicolo

ROMA - C’è anche LVenture Group a sostenere la campagna di crowdfundig di Scuter, la startup fondata da Gabriele Carbucicchio e Carmine Di Nuzzo, imprenditori del settore dei motoveicoli e Gianmarco Carnovale, Alberto Piglia, Luca Ruggeri, Federico Corno e Raffaello Risso, esperti del mondo delle tecnologie e del marketing. Scuter è un innovativo veicolo elettrico a tre ruote dotato di una batteria sostituibile con un’autonomia di oltre 100 km, che può guidarsi senza casco e con qualsiasi tipo di patente.  

LVenture Group con Scuter
Una startup rivoluzionaria per la mobilità romana, nell’occhio del ciclone per il traffico quotidiano, e che permetterà ai romani di dimenticare l’incubo degli ingorghi della capitale e di risparmiare quelle 147 ore che in media ogni anno gli italiani perdono perché imbottigliati nel traffico delle grandi città. Con una soluzione che include un veicolo brevettato che si colloca a metà tra lo scooter e la city car, Scuter promette di rivoluzionare la mobilità urbana permettendo di: risparmiare tempo grazie alla sua maneggevolezza nel traffico (pesa meno di 80 Kg) e alla dashboard connessa in cloud che indica percorsi alternativi ed eroga servizi interattivi; risparmiare denaro perché il costo medio del noleggio si avvicinerà a quello di un biglietto sui mezzi pubblici; rispettare l’ambiente perché, essendo 100% elettrico, non produce emissioni inquinanti.

«Diversi grandi player, che operano nel campo di energia, finanza e servizi digitali, stanno comprendendo il grado di innovazione portato da Scuter, che è tutt’altro che l’ennesimo operatore di sharing, quanto piuttosto una piattaforma in grado di generare valore per le aziende e per gli individui - ha spiegato Gianmarco Carnevale -. Stiamo finalizzando accordi di varia natura con alcuni grandi operatori che intendono essere parte di questa rivoluzione, e che ci aiuteranno ad essere ancora più efficaci ed impattanti nel trasformare la mobilità urbana».

La campagna di crowdfundig su Mamacrowd
La campagna di crowdfunding aperta su Mamacrowd il 15 dicembre scorso  andrà avanti fino al 20 marzo con l’obiettivo di raccogliere 150mila euro di aumento di capitale per avviare l’attività B2B e testare veicolo e piattaforma in vista del lancio del servizio B2C. In poco più di un mese di campagna, il progetto ha raccolto già la metà della cifra.