27 maggio 2020
Aggiornato 18:00
crowdfunding

Scuter, al via la campagna su Mamacrowd per lo scooter sharing romano

Scuter è al 100% elettrico, è dotato di un pannello solare integrato che produce energia per il suo funzionamento e connesso a internet. E' in equity crowdfunding fino al 20 marzo 2017

ROMA - Presi e lasciati in qualunque posto della città, una tariffa che cambia a seconda di quanto lo si utilizza ( va a tempo) e ricaricabile a piacimento nei punti in cui sono installati gli appositi colonnini per la ricarica. Una rivoluzione che mira a cambiare il modo di vivere Roma, il suo traffico e non solo. Scuter, la startup fondata da Gabriele Carbucicchio e Carmine Di Nuzzo, imprenditori del settore dei motoveicoli e ianmarco Carnovale, Alberto Piglia, Luca Ruggeri, Federico Corno e Raffaello Risso, esperti del mondo delle tecnologie e del marketing, debutta sulla piattaforma di crowdfunding MamaCrowd.

Scuter in crowdfunding su Mamacrowd
L’obiettivo della campagna è raccogliere 150mila euro per avviare l’attività B2B e testare il veicolo e la piattaforma tecnologica in vista del lancio del servizio B2C ai cittadini. Un scuter sharing pubblico, al servizio dei cittadini che permetterà ai romani di dimenticare l’incubo degli ingorghi della capitale e di risparmiare quelle 147 ore che in media ogni anno gli italiani perdono perché imbottigliati nel traffico delle grandi città (secondo i dati di Tom Tom Index 2016).

Elettrico e connesso
Scuter è al 100% elettrico, è dotato di un pannello solare integrato che produce energia per il suo funzionamento, ha una batteria LilIon intercambiabile e la connessione a internet e Bluetooth. Può essere utilizzato senza casco in totale sicurezza ed è guidabile con qualsiasi patente di guida. Ha un'autonomia di circa 100 chilometri e, chiaramente, un parabrezza che lo protegge dalle intemperie. Si tratta di uno scooter smart poiché è dotato di una piattaforma sempre connessa al cloud, capace di interfacciarsi con lo smartphone dell’utente per la gestione dei servizi e del veicolo.

Attraverso la campagna di equity crowdfunding su MamaCrowd, chiunque può diventare socio di Scuter finanziando il progetto anche con un piccola quota. «E' una finestra di opportunità stretta, come è stata stretta quella di quando, 18 mesi fa, io ed i miei soci abbiamo dato vita a questa avventura e ne parlammo ad un giro ristrettissimo di amici e parenti - ha detto Gianmarco Carnovale, co-fondatore, presidente e AD di Scuter -. Oggi, attraverso un portale crowdfunding in procedura Consob, diamo nuovamente l'opportunità di salire a bordo con noi a chi comprenderà il valore di quello che stiamo costruendo».

In primavera
L’offerta di flotte Scuter per le aziende partirà nelle prossime settimane, mentre il servizio di sharing urbano sarà lanciato a Roma nella primavera del 2017 e a seguire in altre città italiane ed europee.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal