23 gennaio 2022
Aggiornato 17:00
healtcare

HearthWatch, l'app che monitora il battito cardiaco e ti salva la vita

L'app monitora il battito cardiaco attraverso uno smartwatch sul polso ed è in grado di avvisare l'utente e i famigliari in caso di anomalie significative

MILANO - Un’app in grado di rilevare le aritmie cardiache attraverso l’analisi del battito e di segnalare eventuali anomalie, corredate da un allarme preciso. E’ questo ciò che è in grado di fare HeartWatch, l’applicazione installata nello smartphone e progettata da un team di studenti del Politecnico di Milano, con la consulenza dei medici dell’ospedale San Raffaele.

Come funziona HeartWatch
Un progetto vincente - ha ottenuto il riconoscimento di Microsoft - che evidenzia come il settore dell’healtcare sia in costante crescita: solo nei primi tre mesi del 2016 sono stati effettuati a livello globale ben 754 milioni di investimenti con una crescita del 31% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’app di HeartWatch è in grado di monitorare - attraverso un wearable al polso - il ritmo del battito cardiaco e segnalare eventuali anomalie impreviste, combinando i dati sulla frequenza con quelli sul movimento e distinguendo le variazioni fisiologiche da quelle anomale. HeartWatch - disponibile sia su Apple sia su Android – può essere utilizzato come un cardiofrequenzimetro per monitorare il battito cardiaco durante sessioni di allenamento o riabilitazione o per rilevazioni di lunga durata.

Le diverse tipologie di allarme
In caso di irregolarità HeartWatch prevede tre diversi tipi di allarme. In caso di anomalie leggere arriva una semplice notifica sullo smartphone; in caso di anomalie più significative la notifica si accompagna a un allarme sonoro in grado di avvisare anche le persone che si trovano nei dintorni che possono in questo modo prestare soccorso o chiedere eventualmente aiuto. Quando si verificano delle anomalie piuttosto gravi e la persona da sola non riesce ad interrompere l’allarme l’app è in grado di inviare una serie di messaggi ad amici e parenti precedentemente selezionati al fine di avvisare della situazione di rischio. Il dispositivo è anche in grado di geolocalizzare il paziente, permettendo l’arrivo dei soccorsi in un luogo preciso.