19 novembre 2019
Aggiornato 20:30
Ambiente

Caccia USA «bombardano» la barriera corallina australiana

Il gioiello della natura è stato bombardato nel corso di un'esercitazione, da due caccia americani che hanno sganciato quattro bombe non armate del peso di oltre 220 kg nel mare

MELBOURNE - Gioiello della natura e patrimonio dell'Umanità, la Grande Barriera corallina al largo delle coste dell'Australia nord-orientale è stata bombardata, per errore, nel corso di un'esercitazione, da due caccia americani che hanno sganciato quattro bombe non armate del peso di oltre 220 kg nel mare.

I due caccia, secondo quanto reso noto successivamente dalla Marina americana, decollati giovedì scorso dalla portaerei Uss Bonhomme Richard, sono stati costretti a sganciare gli ordigni perché a corto di carburante. La US Navy assicura che gli ordigni sono caduti in una zona di mare profonda oltre 50 metri e che non ci sono stati danni all'ambiente. La BBC mostra il video sul suo sito online.