27 settembre 2020
Aggiornato 21:30
La dichiarazione del Pentagono

Siria, ucciso il numero due dell'Isis

Il Pentagono ha annunciato di aver ucciso il numero due dello Stato Islamico, Abdel Rahmane al-Qadouli, nel corso di una incursione aerea in Siria. Era il ministro delle Finanze dello Stato islamico

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/03/20160325_video_18362063.mp4

DAMASCO - Il Pentagono ha annunciato di aver ucciso il numero due dello Stato Islamico, Abdel Rahmane al-Qadouli, nel corso di una incursione aerea in Siria. "Stiamo eliminando sistematicamente il vertice dell'Isis", ha affermato il segretario alla Difesa, Ashton Carter. L'uccisione in Siria del numero due dello Stato Islamico, ha spiegato Carter, ostacolerà la capacità operativa dei miliziani jihadisti. "L'esercito americano ha ucciso diversi terroristi chiave dell'Isis e noi pensiamo che al-Qadouli, uno dei principali responsabili dello Stato Islamico, agisse come ministro delle Finanze e fosse responsabile dei numerosi complotti esterni".