20 giugno 2019
Aggiornato 09:00
Immigrazione

«In Germania crimine aumentato per colpa dei migranti»: è scontro aperto tra Trump e Merkel

La cancelliera tedesca contro il presidente Usa: «Il ministero dell'Interno ha pubblicato le statistiche sul crimine. E i reati sono in calo»

Donald Trump e Angela Merkel durante il G7 di Taormina
Donald Trump e Angela Merkel durante il G7 di Taormina ( ANSA )

GERMANIA - «Il ministero dell'Interno ha pubblicato le statistiche federali sul crimine, e che queste parlano per sé. Vediamo sviluppi positivi.Dobbiamo fare comunque sempre di più contro la criminalità. Ma siamo di fronte a numeri incoraggianti sui cui continuare a lavorare per ridurre la criminalità». Risponde così un'adirata Angela Merkel, a marine della conferenza stampa con il premier francese Emmanuel Macron, all'attacco di Donald Trump che dagli Usa, per difendere le sue politiche stringenti sul fronte immigrazione, ha criticato fortemente il 'meticciato' tipico della società tedesca. Il presidente degli Usa ha snocciolato numeri - poi smentiti dal New York Times -secondo il quale «il crimine è aumentato in Germania da quando Merkel ha aperto le porte del suo paese a più di un milione di richiedenti asilo dal 2015» ma che che «i funzionari (tedeschi)» si guarderebbero bene «dal conteggiare questi crimini».

Le parole di Trump
«Il crimine in Germania è cresciuto del 10% (i funzionari non vogliono segnalare questi crimini)  da quando i i migranti sono stati accettati», ha scritto il presidente Usa sul suo account Twitter. E ancora: «Altri paesi vanno ancora peggio. Sii intelligente America!  Se non hai confini , non hai un paese». Poi l'attacco ai democratici: «Sono loro il problema. Non si interessano del crimine e vogliono i migranti irregolari. Non importa quanto male possano fare e infestare il nostro Paese, come MS-13 (una gang internazionale, ndr). Non possono vincere con le loro terribili politiche, per cui li considerano come potenziali elettori».

I numeri di Trump smentiti dal Nyt
Ma davvero in Germania dal 2015 è aumentato il tasso di criminalità? Il New York Times rivela che in Germania il 2017 ha segnato «il tasso di criminalità più basso da 25 anni». Per quanto riguarda i criminali, «i reati commessi dai tedeschi sono scesi del 2,2% mentre quelli dei non tedeschi sono calati del 2,7%». Quanto al numero di clandestini entrati nel Paese, i casi sono diminuiti del 79,9%. «La mia risposta a questo è che il ministro dell'Interno (tedesco) ha recentemente presentato statistiche sul crimine e quelle parlano da sé», ha detto Merkel in una conferenza stampa con il presidente francese Emmanuel Macron vicino a Berlino.

Il rapporto del ministero dell'Interno
In un rapporto del 2017 pubblicato all'inizio di maggio, il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer ha accolto con favore il fatto che nel 2017 il numero di aggressioni a persone o proprietà ha raggiunto "«l livello storico più basso dal 1992», dalla compilazione di statistiche per la Germania riunificata. «Consideriamo questo come uno sviluppo positivo, dobbiamo ovviamente fare di più per combattere il crimine ma sono stati davvero incoraggianti», ha detto Merkel. La cancelliera tedesca ha quindi respinto le affermazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ancora una volta ha sostenuto, «e contro ogni evidenza», che il crimine è in aumento in Germania a causa dell'afflusso di migranti.