20 settembre 2019
Aggiornato 13:30
Strage Manchester

Il terrore di bambini e genitori dopo la bomba alla Manchester Arena

I giovanissimi fan di Ariana Grande e i loro genitori che le aspettavano fuori dalla Manchester Arena hanno descritto scene di panico dopo l'esplosione nel foyer ieri sera, che ha ucciso 22 persone ferendone almeno 59.

Il terrore di bambini e genitori dopo la bomba alla Manchester Arena
Il terrore di bambini e genitori dopo la bomba alla Manchester Arena ANSA

MANCHESTER - I giovanissimi fan di Ariana Grande e i loro genitori che le aspettavano fuori dalla Manchester Arena hanno descritto scene di panico dopo l'esplosione nel foyer ieri sera, che ha ucciso 22 persone ferendone almeno 59. «Ho sentito questo enorme scoppio e tutti hanno cominciato a correre verso di noi urlando e piangendo. Tutti ci calpestavano cercando di uscire» ha raccontato Jessica, che era al concerto, alla BBC radio. Jessica era le tra le 21mila persone che aveva appena assistito al concerto della pop star americana, particolarmente amata da teenager e bambini.

«Era il panico ovunque» ha detto a Sky News Isabel Hodgins, un'attrice che era concerto. «Il corridoio era pieno, puzzava di bruciato, c'era moltissimo fumo». Elena Semino, che aspettava la figlia 17enne ed è rimasta ferita, ha detto al Guardian: «ho sentito calore sul collo e quando ho guardato in su c'erano corpi ovunque». Semino ha detto che era accanto alla biglietteria quando è avvenuta l'esplosione. Cheryl McDonald, che era con la figlia di nove anni, ha detto a Sky: «non ho mai avuto tanta paura in vita mia, mia figlia è scioccata». McDonald ha descritto una scena «devastante», in un'arena «piena di bambini».

Gary Walker, che aspettava le figlie ed è stato colpito da una scheggia alla gamba, ha detto di essere stato a pochi metri dall'esplosione. «Qualcuno è passato dalla porta e poi bang» ha detto Walker, la cui moglie è stata ferita allo stomaco, alla BBC radio. La figlia Abigail ha detto: «Ho dovuto assicurarmi di avere con me mia sorella, l'ho presa e l'ho tirata via forte. Tutti correvano e piangevano. E' stato assolutamente terrificante».

Emma Johnson, che con il marito era all'arena per prendere le figlie di 15 e 17 anni, ha detto che l'esplosione è avvenuta «certamente» nel foyer. «Eravamo in cima alle scale e il vetro è esploso. Tutto l'edificio ha tremato. Ovviamente siamo corsi e abbiamo cercato le nostre figlie che fortunatamente erano sane e salve» ha detto alla Bbc.