L'ex candidata dem sta anche scrivendo un libro

Hillary Clinton si ributta in politica: nasce il «gruppo di resistenza» «Avanti insieme»

Dopo essersi per un po' defilata dalla scena politica a seguito della debacle elettorale, Hillary Clinton vuole tornare a far parlare di sé. Ecco quali sono i suoi progetti

La democratica Hillary Clinton
La democratica Hillary Clinton (EPA/JIM LO SCALZO)

NEW YORK - Dopo essersi «defilata» dalla scena politica a seguito della debacle elettorale, Hillary Clinton torna alla ribalta. E lo fa annunciando la creazione di un gruppo di «resistenza», intesa, naturalmente, come fiera opposizione al presidente Donald Trump, colui che l’ha battuta nella corsa per la Casa Bianca. Il progetto si chiama «Avanti insieme», e dovrebbe, nelle intenzioni dell'ex candidata dem, incoraggiare la gente a lasciarsi coinvolgere, «e perfino a correre per cariche», ha twittato Hillary.

Valori progressisti
L’obiettivo dichiarato è quello di portare avanti «valori progressisti» con cui «lavorare per costruire un futuro migliore per le prossime generazioni». Il punto di partenza, come si legge sul sito della nuova organizzazione, sono quei 66 milioni di voti presi alle presidenziali. Voti che, però, non le sono stati sufficienti per fermare il suo avversario, che nessuno pensava potesse vincere. La Clinton, però, più che fare autocritica, pensa al nuovo Presidente. «Negli ultimi mesi abbiamo visto cosa è possibile quando la gente si unisce per resistere al bullismo, all’odio, alla falsità alle divisioni e si mobilita per un’America più giusta e più inclusiva», sostiene la nuova organizzazione della Clinton.

Presto un libro
Ma non è finita qui. Tra i progetti dell’ex segretario di Stato anche la stesura di un libro sulla sua sconfitta elettorale, che dovrebbe uscire alla fine dell’anno. Per raccontare la sua verità sulle presidenziali più dibattute della storia d'Amerca. Durante il suo ultimo intervento pubblico, non a caso, Hillary ha sostenuto che oggi sarebbe Presidente se l’ex direttore dell’Fbi, James Comey, appena licenziato da Trump, non avesse annunciato l’apertura di un dossier su di lei per lo scandalo delle email. Un dossier chiuso poi in un nulla di fatto, circostanza che ha suscitato le ire dello stesso Trump. Evidentemente, i due ex rivali nella corsa presidenziale continuano a pensarla in modo opposto su tutto. E Hillary continuerà a far parlare di sé.