6 giugno 2020
Aggiornato 16:00
Il presidente eletto ha proposto cancellazione ordine a Boeing

Trump dice no all'acquisto del nuovo Air Force One: un risparmio di 4mld per gli americani

Il portavoce della Casa Bianca ha parzialmente smentito le cifre da capogiro diffuse da Trump a proposito dell'ordine del nuovo Air Force One (4 miliardi), che ha proposto di cancellare

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2016/12/20161206_video_19181827.mp4

NEW YORK - La Casa Bianca non si sbilancia, rimandando al dipartimento della Difesa per i dettagli, ma interviene quanto basta sul caso che sta tenendo banco in queste ore: la proposta del presidente eletto Donald Trump di cancellare l'ordine alla Boeing per il nuovo Air Force One a causa di costi elevati. Su Twitter, il miliardario di New York, fresco fresco di nomina del Time come "persona dell'anno", ha parlato di «oltre 4 miliardi di dollari».

La smentita della Casa Bianca
Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, ha spiegato che «alcuni dati citati, diciamo, non sembrano riflettere la natura dell'accordo finanziario tra Boeing e il dipartimento della Difesa». Earnest ha posto l'accento sui «requisiti tecnici unici che sono parte dell'Air Force One». Secondo il portavoce di Obama, «il popolo americano si aspetta che i futuri presidenti Usa traggano beneficio da caratteristiche migliorate e uniche mentre viaggiano e rappresentano gli interessi degli Stati Uniti in giro per il mondo». Earnest ha anche detto che «il lavoro che il dipartimento della Difesa sta facendo con Boeing si svolge su raccomandazioni degli esperti di sicurezza nazionale e altri esperti tecnici». Facendo notare che l'Air Force One in uso attualmente «sta giungendo alla fine del suo ciclo di vita previsto», il portavoce della Casa Bianca ha detto che il lavoro dell'amministrazione Obama garantirà che i prossimi presidenti abbiamo «un aereo presidenziale moderno». Il nuovo Air Force One, ha concluso, non decollerà fino al 2023.

Leggi anche «Trump: cancellare l'ordine del nuovo Air Force One, costa troppo»

La risposto della Boeing
Una risposta a Donald Trump è arrivata dalla stessa Boeing: «Siamo attualmente sotto contratto per 170 milioni di dollari, per aiutare a determinare le potenzialità di questi complessi velivoli militari che servono le esigenze esclusive del presidente degli Stati Uniti. Confidiamo di lavorare con l'Air Force alle fasi successive del programma per permetterci di consegnare i migliori aerei per il presidente alle condizioni migliori per i contribuenti americani", ha dichiarato l'azienda.

Il contratto
A gennaio, il Pentagono ha annunciato un accordo con Boeing per un contratto iniziale di quasi 26 milioni di dollari per un lavoro di ricerca sugli aerei; il dipartimento della Difesa ha poi aggiunto 127,3 milioni a luglio per sviluppare gli interni, l'elettronica e altre caratteristiche della prossima generazione di velivoli, secondo FlightGlobal, un sito di informazione del settore aeronautico. L'Air Force aveva annunciato lo stanziamento di 1,65 miliardi di dollari per due nuovi aerei, che saranno i Boeing quadrimotori 747-8s, con la possibilità di acquistarne un terzo.

La Nbc dà ragione a Trump
Secondo la Nbc, i dati più recenti dimostrano che Trump non parla a sproposito citando 4 miliardi: per i primi due anni di ricerca e sviluppo, la spesa è già di 2,7 miliardi e il costo finale, secondo il Government Accountability Office, dovrebbe salire a circa 3,2 miliardi; una volta finiti, il costo definitivo sarà anche superiore ai 4 miliardi, perché il governo dovrà comprare i due velivoli. Oltre alla flotta presidenziale, Trump dovrebbe mantenere la flotta personale, che include due aerei e tre elicotteri.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal