26 gennaio 2020
Aggiornato 13:30
Entra sindaco Londra Boris Johnson, esce cancelliere ombra Balls

Ecco i nuovi volti di Westminster e le uscite clamorose

Nuovi arrivi importanti a Westminster, come quello del sindaco di Londra Boris Johnson e del battaglione di indipendentisti scozzesi, e uscite clamorose e dolorose, dopo le elezioni politiche britanniche di ieri.

LONDRA (askanews) - Nuovi arrivi importanti a Westminster, come quello del sindaco di Londra Boris Johnson e del battaglione di indipendentisti scozzesi, e uscite clamorose e dolorose, dopo le elezioni politiche britanniche di ieri.

Ecco i nomi degli uscenti e dei nuovi arrivati
- MHAIRI BLACK (SNP): candidata del partito nazionalista scozzese SNP, 20 anni, è stata eletta a spese di Douglas Alexander, ministro degli Esteri ombra e figura chiave del partito laburista. Sarà la più giovane deputata di Westminster dal 1667.

- BORIS JOHNSON (Conservatori): l'incendiario sindaco di Londra è stata eletto nella circoscrizione londinese di Uxbridge, tappa verso la leadership del partito dopo il 2020, quando il premier David Cameron ha promesso di lasciare.

- ED BALLS: il cancelliere ombra del partito laburista, prescelto per diventare ministro delle Finanze in caso di vittoria, ha perso dopo 10 anni il suo seggio di Morley a beneficio della conservatrice Andrea Jenkyns, che l'ha battuto per 422 voti.

- DOUGLAS ALEXANDER: il ministro ombra degli Esteri laburista si inchina davanti alla studentessa di scienze politiche di 20 anni, portabandiera dei nazionalisti scozzesi.

- VINCE CABLE: ex vicepresidente del partito liberaldemocratico e ministro del Commercio uscente ha atteso con le dita incrociate e il volto teso l'annuncio dei risultati della sua circoscrizione di Twickenham, dove correva a 71 anni per un quinto mandato. La sua sconfitta ad opera della conservatrice Tania Mathias segna probabilmente al fine della sua carriera.

- GEORGE GALLOWAY (Respect): il "rosso" George Galloway, conosciuto nel mondo e soprattutto in Medio Oriente per per il suo impegno a favore dei palestinesi e contro al guerra in Iraq, è stato battuto dal candidato laburista a Bradford West.

- JIM MURPHY (Labour): il capo dei laburisti scozzesi ha perso il suo seggio a vantaggio dell'Snp, che ha ottenuto 56 dei 50 seggi in palio nella nazione.

- DANNY ALEXANDER (Lib-Dem): ex segretario al Tesoro del governo Cameron è stato battuto dall'indipendentista scozzese Drew Henry.

- DAVID CAMERON: il premier è stato rieletto nella circoscrizione di Witney, Oxfordshire, che rappresenta dal 7 giugno 2001.

- NICK CLEGG: il capo del partito liberaldemocratico e vicepremier ha salvato il suo seggio nella circoscrizione di Sheffield Hallam che occupa dal 2008. La vittoria è una triste consolazione dopo il naufragio del suo partito, che rischia di scendere sotto quota 10 seggi contro i 56 del 2010.

- ED MILIBAND: il capo del laburisti ha parlato di una "nottata molto deludente" per il suo partito da Doncaster, dove è stato rieletto.

- DOUGLAS CARSWELL: transfuga Tory, è diventato il primo deputato Ukip a Westminster nell'elezione parziale di settembre a Clacton. E' stato rieletto e potrebbe essere l'unico rappresentante del partito euroscettico in Parlamento.

- NIGEL FARAGE: il leader degli eurofobi 'kippers' potrebbe finire al terzo posto nella cicoscrizione di South Thanet, secondo una fonte laburista. In caso di sconfitta ha già annunciato che "chiuderà il sipario" sulla sua carriera politica.