28 settembre 2020
Aggiornato 11:30
La Francia al voto

Hollande: Bloccherò il patto di bilancio senza misure per la crescita

Intervista del candidato socialista a Handelsblatt. Intanto Sarkozy perde terreno nei sondaggi: 24%, Hollande al 29%. Carla «ruba» Twitter a Sarkozy per salutare gli amici. Casini: Probabilmente meglio Sarkozy di Hollande

BERLINO - Il candidato socialista all'Eliseo, Francois Hollande ha dichiarato al quotidiano economico tedesco Handelsblatt che bloccherà il patto di bilancio «se non conterrà misure per la crescita». Hollande ha definito inoltre una «pura operazione di immagine» il progetto di inserire nella costituzione francese la cosiddetta «regola d'oro» che impone il pareggio di bilancio, un'idea difesa dal presidente francese Nicolas Sarkozy.
«Se il patto non conterrà misure in favore della crescita io non potrò sostenere la sua ratifica davanti all'Assemblea nazionale. L'ho promesso ai francesi e mi atterrò a questa promessa», ha ribadito Hollande, dato per favorito dai sondaggi alle presidenziali francesi, il cui primo turno si svolgerà domenica prossima.

Sarkozy perde terreno al 24%, Hollande al 29% - Il presidente francese Nicolas Sarkozy, in corsa per un secondo mandato, ha perso terreno nei confronti del suo rivale, il socialista Francois Hollande, quando mancano appena 4 giorni all'appuntamento elettorale di domenica.
Il sondaggio condotto dall'istituto Csa il 16 e 17 aprile e diffuso questa mattina rileva un 24% di preferenze per il capo di stato uscente contro il 29% per Hollande, che guadagna due punti percentuali rispetto al precedente sondaggio di una settimana fa.
Al ballottaggio, previsto il 6 maggio, il candidato socialista vincerebbe su Sarkozy con il 58% dei voti.
Riprende quota anche la candidatura di Marine Le Pen, leader del partito dell'estrema destra, con il 17% dei voti, mentre il candidato della sinistra radicale Jean-Luc Melenchon perde due punti, al 15%. Il centrista Francois Bayrou riduce di un punto il bottino, al 10%.
Il sondaggio è stato svolto su un campione di 1.005 persone.

Carla «ruba» Twitter a Sarkozy per salutare amici - - A cinque giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali in Francia, Carla Bruni Sarkozy ha sottratto per alcuni momenti l'account Twitter e Facebook al marito Nicolas Sarkozy. Giusto il tempo di lanciare un saluto a tutti i followers e agli amici del presidente. «Prendo momentaneamente l'account di mio marito per salutarvi e ringraziarvi del vostro sostegno, Carla!», ha scritto la moglie del capo dello Stato.
In poche ore, il «cinguettio» della premiere dame ha ricevuto migliaia di apprezzamenti e centinaia di risposte. Alcune anche caustiche, come quella di O_O che ha insinuato che Carlà sia intervenuta per «far riguadagnare punti nei sondaggi» al presidente della Repubblica uscente, in affanno sul rivale , il candidato socialista Francois Hollande, o come quella di un altro follower, Frédéric Chatillon, che ha definito «grottesco» il tweet della moglie e ha chiesto quando arriverà «un messaggio del bebè». Ma c'è stato anche Cherif Moussa che ha «ringraziato Carla» e ha ribadito «il suo sostegno a Sarkozy».

Casini: Probabilmente meglio Sarkozy di Hollande - Nelle presidenziali per l'Eliseo «probabilmente per me è meglio Sarkozy di Hollande, ma non sono un cittadino francese e non devo votare». Lo ha detto il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, a Otto e mezzo.