13 luglio 2020
Aggiornato 16:30
Le proteste in Russia

Gorbaciov: «Consiglio a Putin di farsi da parte»

Il padre della perestroika a radio Echo di Mosca: «Potrebbe preservare le cose positive che ha fatto». Dopo una manifestazione di una imponenza mai vista negli ultimi 12 anni, l'ex capo di Stato sovietico ha detto che Vladimir Putin, al potere dal 2000, dovrebbe anche lui arrendersi all'evidenza

MOSCA - L'ultimo leader sovietico, Michail Gorbaciov, vent'anni dopo aver preso atto della dissoluzione dell'Urss dando le dimissioni, ha detto che è giunto il momento di farsi da parte anche per Vladimir Putin, al momento alle prese con una ondata di contestazioni senza precedenti. E ieri, dopo una manifestazione di una imponenza mai vista negli ultimi 12 anni, l'ex capo di Stato sovietico ha detto che Vladimir Putin, al potere dal 2000, dovrebbe anche lui arrendersi all'evidenza.

Gorbaciov: Tre mandati sono sufficienti - «Consiglierei a Vladimir Putin di farsi da parte adesso. Ha già fatto tre mandati: due da presidente (2000-2008), uno da Primo ministro - tre mandati, è sufficiente», ha dichiarato il padre della perestroika a radio Echo di Mosca. «Dovrebbe fare la stessa cosa che ho fatto io. Io, al suo posto, lo farei perché in questo modo potrebbe preservare tutte le cose positive che ha fatto», ha sottolineato Gorbaciov.
Discreditato dalla popolazione e confrontato alle proclamazioni delle indipendenze delle repubbliche sovietiche, il 25 dicembre 1991 Gorbaciov annunciò alla televisione le dimissioni, prendendo atto della dissoluzione dell'Urss dopo un accordo firmato l'8 dicembre dall'Ucraina, dalla Bielorussia e dalla Russia.