24 maggio 2024
Aggiornato 05:30
Lo scandalo pedofilia

In Germania la Chiesa perde migliaia di fedeli

Secondo il quotidiano «Suedweb Presse» solo a marzo 5.000 cattolici hanno abbandonato le parrocchie

BERLINO - La Chiesa cattolica tedesca ha perso migliaia di fedeli dall'inizio delle rivelazioni sugli abusi sessuali commessi sui minori da alcuni preti. Solo nel mese di marzo due grandi diocesi della Baviera, il Land in maggioranza cattolico, hanno perso oltre 5.000 membri, secondo il quotidiano Suedwest Presse.

La diocesi di Friburgo afferma sul suo sito internet che 2.711 persone hanno lasciato la Chiesa nel marzo 2010, oltre il doppio che nel marzo 2009 (1.058). Nella diocesi di Rottenburg-Stoccarda, 2.676 cattolici hanno lasciato la Chiesa a marzo, erano stati 921 a febbraio e 1.011 a gennaio, sempre secondo il quotidiano.
«Osserviamo questa evoluzione con preoccupazione: non tanto a causa delle perdite economiche, quanto piuttosto perché coloro che lasciano la Chiesa voltano le spalle all'intera comunità di fedeli e indeboliscono la diversità e la vivacità della Chiesa. E' doloroso!», ha commentato il vicario generale Fridolin Keck sul sito della diocesi di Friburgo.

In Germania le comunità cattoliche e protestanti vivono dell'imposta facoltativa annuale prelevata alla fonte dai fedeli, che dichiarano la propria appartenenza religiosa nella dichiarazione dei redditi.