6 aprile 2020
Aggiornato 01:00

Maddie, parla il pedofilo GB: non ho mai visto la bambina

L'uomo coinvolto nelle indagini da investigatori della famiglia

LONDRA - Il pedofilo britannico Raymond Hewlett sostiene di non aver mai visto Maddeleine McCanns, la bambina britannica scomparsa due anni fa in Portogallo. Il nome di Hewlett è emerso nelle ultime settimane, nell'ambito delle indagini condotte dagli investigatori assunti dai genitori della bambina. Hewlett, 64 anni, si trovava a Faro, a un'ora di strada da Praia del Luz, nell'aprile del 2007, quando la bambina scomparve. Per questo gli investigatori stanno cercando di capire se l'uomo, condannato tre volte per abusi sessuali su minori, abbia legami con la vicenda.

«Ho visto Madeleine McCann solo sui manifesti delle persone scomparse - dice Hewlett in un'intervista al Sunday Mirror - e l'ho vista una volta in televisione in un bar. Ma non l'ho mai incontrata nella vita reale». L'uomo si dice pronto a sottoporsi a test della verità e «a qualsiasi test vogliate». Tuttavia, Hewlett ha ammesso che si trovava ad Algarve quando Maddie scomparve e non è in grado di fornire un alibi per la notte della scomparsa. Inoltre, sottolinea il Mirror, l'uomo appare sorprendentemente simile all'identik della persona sospettata dalla polizia, che fu vista aggirarsi attorno all'appartamento McCanns.

«Ho un alibi - dice al Sunday Mirror - ma perchè dovrei fornirlo? C'è una persona che potrebbe dire dove ero quel giorno, ma perchè dovrei coinvolgerla in tutto questo? Non ho fatto nulla di male. Perchè dovrei dimostrarlo?». Hewlett sostiene inoltre di essere stato interpellato dalla polizia portoghese in due occasioni sul caso Maddie e di aver già fornito campioni di Dna e impronte digitali.

«E' chiaro il motivo per cui si interessano a me - conclude - ma possono pensare quello che vogliono. Io non ho ucciso la bambina. E' la verità». Maddie è sparita il 3 maggio del 2007 mentre si trovava in vacanza ad Algarve con la famiglia. Dormiva in una camera d'albergo insieme ai fratelli gemelli mentre i genitori erano a cena in un ristorante con amici.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal