20 novembre 2019
Aggiornato 02:00

Ergastolo al padre stupratore, sarà internato. La figlia: «paghi fino alla morte»

Sentenza all'unanimità, Josef Fritzl dichiatato colpevole di tutte le accuse

VIENNA - Ha accettato la sentenza, non farà appello. Anzi, ha ascoltato il verdetto impassibile, Josef Fritzl, l' uomo che ha sequestrato e violentato la figlia per 24 anni in uno scantinato della sua casa ad Amstetten, in Austria. Colpevole di tutti i capi di accusa: omicidio, riduzione in schiavitù, sequestro, stupro, incesto e gravi minacce. La sentenza è già operativa, Fritzl sarà internato in una struttura psichiatrica. La vittima del padre-mostro, la figlia Elisabeth, racconta la sua legale prima della sentenza ha detto di volere che il genitore paghi «per i suoi delitti fino alla morte».