19 agosto 2022
Aggiornato 13:00
Immobiliare

Comprare casa nelle più famose isole greche costa meno che a Milano

Santorini, Paros, Naxos, Corfù, Zante e Rodi sono mete molto note fra i vacanzieri ma anche isole su cui puntare e su cui l’investimento immobiliare non supera quello richiesto nelle grandi città italiane

Per chi sogna di avere il suo posto al sole su una delle isole paradisiache della vicina Grecia, la più conveniente dove comprare casa è Rodi
Per chi sogna di avere il suo posto al sole su una delle isole paradisiache della vicina Grecia, la più conveniente dove comprare casa è Rodi Foto: immobiliare.it

Nell’ultimo anno molte di loro hanno subito un’importante risalita dei costi del mattone, dopo lo stop della pandemia, eppure le bellissime isole greche, quelle più note fra i vacanzieri, si confermano un angolo di paradiso tuttora accessibile per chi intende comprare casa all’estero. Questo è il risultato dello studio di Spitogatos.gr, primo portale immobiliare in Grecia e parte dello stesso gruppo di Immobiliare.it, il portale immobiliare leader in Italia.

Santorini, Paros, Naxos, Corfù, Zante e Rodi sono mete molto note fra i vacanzieri ma anche isole su cui puntare e su cui l’investimento immobiliare non supera quello richiesto nelle grandi città italiane, rimanendo sempre sotto ai 3.500 al metro quadro. Unica eccezione Mykonos: l’isola della movida, nella prima parte del 2022, ha toccato il record di 5.714 euro al metro quadro, più della nostra Milano che per la prima volta, nell’ultimo semestre, ha sfondato il tetto dei 5.000.

Le mete greche più economiche

Per chi sogna di avere il suo posto al sole su una delle isole paradisiache della vicina Grecia, la più conveniente dove comprare casa è Rodi: qui i prezzi richiesti da chi vende casa sono pari in media a 1.544 euro al metro quadro. Poco sopra questa cifra, ben al di sotto del prezzo medio delle case in Italia (2.063 euro/mq a giugno 2022), si trova l’isola di Zante, con 1.685 euro/mq. Si classifica infine terza sul podio della convenienza Corfù, dove per comprare un immobile residenziale si richiedono mediamente 1.700 euro/mq.

Se invece per fare un affare e godersi comunque un mare cristallino tutto l’anno si è disposti a vivere anche nelle località sulla terraferma greca, le cifre del mercato sono ancora più invitanti. A eccezion fatta della Penisola Calcidica, dove servono 1.800 euro al metro quadro, nelle aree di Calamata e Nauplia i prezzi non superano i 1.500 euro/mq.

Ne bastano addirittura 947 a Kalambaka, meta non vicina al mare ma nota al turismo per le sue Meteore, complessi monastici quasi sospesi in aria sulla cima di spuntoni rocciosi nella regione della Tessaglia.

Le mete più costose dove comunque si spende meno che nelle grandi città italiane

Naxos, Paros, Santorini: sono nomi che evocano le acque trasparenti e le viuzze strette dei vicoletti in cui è bello perdersi la sera in una tipica - e glamour - vacanza greca. Si tratta di quelle più battute dal turismo e per questo di quelle che hanno un mercato immobiliare più florido. Ma non al punto da costare più di città come Firenze o Roma per comprare casa.

A Naxos, l’isola più famosa soprattutto per chi viaggia in famiglia, i prezzi richiesti da chi vende casa si fermano a 2.662 euro/mq. Paros, protagonista di film e serie come meta di vacanze più giovani e movimentate, supera la soglia dei 3.000 euro/mq. La romantica Santorini richiede un investimento poco più importante, di 3.333 euro al metro quadro.

Speciale Creta

Per le sue ampie dimensioni, l’isola di Creta e le sue quattro prefetture sono oggetto di un ulteriore approfondimento. La terra del Minotauro rimane comunque all’interno del range di prezzi considerati accessibili, che non superano mai i 2.000 euro al metro quadro.

Chi sceglie la prefettura di Chania deve mettere in conto la spesa maggiore, con una media di 1.825 euro al metro quadro. Poco sotto c’è Lasithi, l’area più occidentale dell’isola, con 1.716 euro al metro quadro; seguono Rethymno, al centro della costa settentrionale e nota per il suo stile veneziano, con una media di 1.538 euro/mq e Heraklion, sempre a Nord, la più vicina alla storica Cnosso e sede di uno degli aeroporti dell’isola, con 1.333 euro/mq.