8 agosto 2020
Aggiornato 23:00
Bilancio aziendale

Software per analisi di bilancio: a cosa serve, come si sceglie

Redigere il bilancio di un’impresa consente di adempiere ad alcuni obblighi di tipo amministrativo.Inoltre il bilancio può essere sfruttato per valutare la performance dell’azienda nel corso del tempo

Due persone con portatili al lavoro
Due persone con portatili al lavoro Pixabay

Redigere il bilancio di un’impresa consente di adempiere ad alcuni obblighi di tipo amministrativo. Oltre a questo, il bilancio può essere sfruttato per valutare la performance dell’azienda nel corso del tempo e per valutare eventuali misure correttive. Stiamo quindi parlando di un documento importantissimo, anche e non solo per la pianificazione degli investimenti, delle eventuali assunzioni, dell’implementazione di ricerca e sviluppo. Viste queste caratteristiche appare quindi importante approfittare di un programma per eseguire l’analisi di bilancio. Tali software, infatti, consentono di semplificare al massimo questo tipo di adempimento.

Cosa si intende per bilancio aziendale
In Italia tutte le aziende hanno l’obbligo, di fatto attivo solo a partire dal settembre 2021, di monitorare il proprio stato di salute attraverso i cosiddetti indici di allerta. Il bilancio di esercizio è invece obbligatorio solo per le imprese con un fatturato elevato; stiamo parlando di oltre 400.000 euro per le società del settore dei servizi e oltre 700.000 euro per tutte le altre realtà. Redigere un bilancio è però importante per qualsiasi attività imprenditoriale. Si tratta infatti di riassumere in un singolo documento una serie di fattori, che riguardano il lavoro svolto, i ricavi, le spese e le eventuali proposte correttive per il futuro. Uno strumento che va aggiornato periodicamente, possibilmente almeno una volta all’anno. Il conto economico, l’analisi di bilancio e le previsioni per il futuro sono in molti casi attività svolte all’interno dell’azienda stessa. Oggi però sono disponibili anche consulenti esterni che si occupano di questo tipo di adempimento.

I software per l’analisi di bilancio
Ovviamente il personale che si occupa della contabilità di un’azienda è tranquillamente in grado di stilare un bilancio delle attività svolte. I software per l’analisi di bilancio però rendono immediata la produzione di questo genere di documentazione, utilizzando i dati raccolti nel corso dell’attività imprenditoriale. Di più, grazie alla raccolta dei dati, compresi quelli del passato già archiviati, è possibile modificare l’anno di riferimento e ottenere dei report sull’anno, sui cinque anni, o anche solo sull’ultimo trimestre. Sono strumenti pratici che consentono di gestire al meglio il bilancio e di importare automaticamente i dati necessari per questo tipo di documentazione. Inoltre, sono oggi disponibili software per il bilancio dedicati sia alla singola azienda, sia alle società di consulenza, o agli studi di commercialista. In questo modo è possibile avere a disposizione uno strumento che offre un servizio ai clienti esterni.

Prevedere il futuro
Grazie ai migliori software per l’analisi di bilancio è anche possibile utilizzare funzionalità ulteriori, che consentono di fare previsioni sull’andamento nei mesi a venire. In pratica si possono simulare delle modifiche sostanziali, o eventi di vario genere, in modo da valutare quali cambiamenti si potranno poi notare nel bilancio aziendale. Stiamo parlando della possibilità di considerare sin da subito i risultati correlati all’ampliamento del mercato di riferimento, a investimenti in specifici settori industriali o ad altre attività da svolgere nei mesi a venire. In questo senso il bilancio serve come elemento motivante per le politiche da implementare in azienda.

Il costo di un programma per il bilancio
Oggi il mondo dell’informatica propone software adatti a qualsiasi situazione. In alcuni casi, il costo può essere correlato alla mole di dati da gestire; oppure si possono trovare software modulari: l’azienda paga solo per le funzionalità effettivamente utilizzate, potendone poi aggiungere anche altre nel corso dei mesi. In questo modo si riduce al minimo il costo del singolo programma, pur avendo la possibilità di ampliarne le funzioni, solo quando necessario. Si tratta comunque di spese del tutto affrontabili da un’azienda, anche quando si tratti di una PMI.