23 ottobre 2019
Aggiornato 04:30
la proposta di zingaretti

Regione Lazio, 3 mln di euro per i consorzi di bonifica

La nuova convenzione regolerà, a partire dal 1° gennaio 2016, i rapporti tra Regione, Province e Consorzi

ROMA - La Regione Lazio sta operando le necessarie variazioni di bilancio per poter attribuire la somma complessiva di 3,5 mln di euro per i consorzi di bonifica del Lazio, quale prima tranche di pagamento per le attività di manutenzione. Congiuntamente sarà approvato il nuovo modello di convenzione che regolerà, a partire dal 1° gennaio 2016, i rapporti tra Regione, Province e Consorzi, in relazione al servizio pubblico manutentivo ed alle opere di preminente interesse regionale. 

La delibera di Zingaretti
Questo il contenuto della proposta di delibera della Giunta presieduta da Nicola Zingaretti (n. 16829, del 2 novembre 2015) che colma una carenza amministrativa (alcuni consorzi erano senza convenzione da anni) ed economica che tanto ha pregiudicato la corretta contabilizzazione delle attività dei consorzi di bonifica e a renderlo noto è la regione Lazio sottolineando anche una novità: a partire dal 1° gennaio 2016, e contrariamente a quanto avvenuto prima, i consorzi di bonifica potranno contare su risorse certe avviando una politica di efficientamento che sfocerà in un provvedimento legislativo di riordino dell'intero settore. Grazie all'importante collaborazione con il presidente dell'Anbi regionale, Pasquale Conti, e con il direttore, Tullio Corbo, con questa proposta di delibera l'Amministrazione regionale ha inteso salvaguardare l'occupazione, assicurare la tutela del territorio e garantire la sicurezza dei cittadini.

La valutazione dei direttori delle Asl
Inoltre, «l'Organismo Indipendente di Valutazione (O.I.V.) ha trasmesso al Commissario ad acta e Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti la Valutazione dei Direttori generali delle Asl del Lazio. A seguito della trasmissione sono stati firmati i decreti di presa d'atto della valutazione. L'Organismo ha giudicato l'operato dei Direttori generali delle Aziende sanitarie negli ultimi 18 mesi in base ad obiettivi prefissati come i risultati aziendali conseguiti, il rispetto delle Direttive regionali, le tempistiche dei flussi informativi ricompresi nel Nuovo Sistema Informativo Sanitario e gli obiettivi del DGR n°42 del 31/01/2014».Così in una nota la regione Lazio ha spiegato che «al fine di acquisire ogni ulteriore elemento riguardante le capacità manageriali dimostrate, l'O.I.V. ha ritenuto di svolgere l'audizione del Sub-Commissario ad Acta per l'attuazione del piano di rientro. Il risultato della valutazione è stato positivo per tutte le Asl ad eccezione della Asl di Frosinone. Sull'esito della valutazione è stata data inoltre la disponibilità a relazionare la prossima settimana in Commissione Sanità del Consiglio regionale». (Fonte Askanews)